rassegna

GdS – Lukaku vs Bonucci-Chiellini: pane duro per il belga. La speranza di Mancini

BRUSSELS, BELGIUM - NOVEMBER 13:  Giorgio Chiellini of Italy #3 and Romelu Lukaku of Belgium compete for the ball during the intermational friendly match between Belgium and Italy at King Baudouin Stadium on November 13, 2015 in Brussels, Belgium.  (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

L'Italia cerca un modo di fermare Big Rom

Alessandro Cavasinni

L'assenza possibile di Eden Hazard e, soprattutto, di De Bruyne potrebbe complicare la vita a Lukaku in vista dell'Italia. Ma la speranza di Mancini di bloccare Big Rom si basa essenzialmente sul recupero di Chiellini, che poi dovrebbe fare coppia con Bonucci per tenere a bada l'interista. "Non che Acerbi (e Bastoni) non siano due ottimi difensori, uno di grande esperienza e l’altro di enormi prospettive, ma quando il gioco si fa durissimo servono i durissimi, per citare i Blues Brothers - spiega la Gazzetta dello Sport -. Chiellini in prima battuta e Bonucci al raddoppio. In coppia all’Euro, una partita e quasi 25’, non hanno sbagliato niente. Giocando spalle alle porta, Lukaku si trova sempre Chiellini appiccicato dietro e fatica a girarsi e smistare la palla. Se lo fa, c’è Bonucci. Ma anche faccia alla porta, nell’uno contro uno, non ha mai fatto meraviglie. La loro gabbia fin qui ha dato risultati eccellenti: il belga soffre queste attenzioni. Quando Mou dice che quei due sono “l’università della difesa” spiega che superarli è la laurea ad Harvard per un attaccante. Concentrazione, distanze, intesa: non sono più giovanissimi, ma l’esperienza colma il gap".

Un incrocio già visto, sia in Nazionale che nel club. E al belga non è mai andata benissimo. L'unica rete da registrare è quella nell'ultimo Juve-Inter, quando siglò il momentaneo 1-1 dal dischetto.

tutte le notizie di