FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

GdS – Lukaku, Chiesa, Platini: Inter-Juve, sfida infinita sul mercato

MILAN, ITALY - JANUARY 17:   Romelu Lukaku of FC Internazionale competes for the ball with Leonardo Bonucci of Juventus during the Serie A match between FC Internazionale and Juventus at Stadio Giuseppe Meazza on January 17, 2021 in Milan, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Claudio Villa - Inter/Inter via Getty Images )

La Gazzetta dello Sport ricorda i duelli del passato tra i due club rivali

Stefano Bertocchi

Il possibile duello per Gianluca Scamacca potrebbe essere solo l'ultimo di una lunga serie che vede protagoniste Inter e Juventus. La Gazzetta dello Sport ripercorre la rivalità tra nerazzurri e bianconeri sul mercato: la storia del secolo resta Pietruzzo Anastasi (correva l'anno 1968), mentre nel recente passato non si può dimenticare la vicenda Romelu Lukaku.

Nel giugno 1985 toccò invece ad Aldo Serena essere conteso dai due club. "Bruce Springsteen per la prima volta fa un concerto in Italia e Aldo Serena non può mancare. Biglietti presi. A metà serata, lo chiama Ernesto Pellegrini, che sarebbe il suo presidente all’Inter, chiedendo un incontro immediato - racconta la rosea -. Aldo resiste fino a mezzanotte e mezza, poi cede (e si perde i bis del Boss). A tarda notte, firma con la Juventus in uno scambio storico, con Marco Tardelli passato da Torino a Milano".

Nell'estate 2004 è invece l'Inter ad aggiudicarsi le prestazioni di Dejan Stankovic, nonostante il serbo avesse firmato con la Juventus un accordo in anticipo (ma troppo in anticipo) sui vecchi moduli di trasferimento. Nel mirino di Inter e Juve, ed ora in bianconero, ci furono anche Kulusevski e Chiesa, ma la rosea non dimentica di citare anche Michel Platini, "che nel 1978 trovò l’accordo con Sandro Mazzola e l’Inter. Altri tempi: le frontiere erano chiuse agli stranieri, così Platini restò in Francia. Quando la Juve chiamò, nel 1982, Michel telefonò all’Inter, per correttezza".

tutte le notizie di