FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Garlando: “Inzaghi s’ispiri all’Inter di Facchetti e non a quella di Mancini”

Garlando: “Inzaghi s’ispiri all’Inter di Facchetti e non a quella di Mancini”

Il giornalista della Gazzetta dello Sport ricorda i due incroci tra nerazzurri e Reds in vista degli ottavi di Champions

Alessandro Cavasinni

"Ai tifosi interisti sono girate più che nelle urne di Nyon, perché sono passati dalla prospettiva di un Ajax forte, ma giocabile, a un molto più inquietante Liverpool. Il fresco incrocio con il Milan ha reso l’idea della forza della squadra raffinata negli anni da Klopp: il furore travolgente ad Anfield e la passeggiata milanese nel match di ritorno con tre soli titolari in campo. Ma l’Inter, più fisica dei rossoneri, che sotto le cure di Inzaghi ha maturato un palleggio più sicuro e tecnico di quello di Conte, ha i mezzi per opporsi alla tempesta rossa molto meglio del Milan". Lo scrive stamattina Luigi Garlando sulla Gazzetta dello Sport. "Certo, saranno due “giornate dure”, bisognerà “lavorare come cani”, canterebbero i Beatles, ma non servirà un miracolo, basterà un’impresa, soprattutto se Salah e Mané torneranno spremuti dalla Coppa d’Africa. Rispetto ai ragazzi di Pioli, Inzaghi può schierare sotto la Kop molta più esperienza. Barella (squalificato) e Bastoni sono campioni d’Europa, Perisic e Brozovic hanno giocato l’ultima finale mondiale. Servirà il coraggio che non ebbe l’Inter di Mancini negli ottavi di Champions 2007-08 (in 10 dopo mezz'ora, ndr). Pensare di sopravvivere ad Anfield provando solamente ad assorbire le offensive dei Reds, senza restituirle, equivarrebbe a un suicidio. Anche in questo senso, Inzaghi ha fatto evolvere l’Inter di Conte. San Siro, nel match d’andata, dovrà essere l’inferno di passione che alimentò la rimonta dell’Inter di Facchetti nella semifinale del 1964-65. Tenere almeno aperta la sfida, per poi giocarsi la gloria a Liverpool".

 

 

tutte le notizie di