FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Ferri: “Izzo mi piace molto, ma all’Inter altra realtà. Ancora scudetto sarebbe bellissimo”

COMO, ITALY - MAY 10:  Riccardo Ferri of Inter Forever looks on during the FC Internazionale training session at the club's training ground Suning Training Center in memory of Angelo Moratti on May 10, 2018 in Como, Italy.  (Photo by Marco Luzzani - Inter/FC Internazionale via Getty Images)

"Fare paragoni con la scorsa stagione non si può. È cambiata l’Inter ma sono cambiate il Milan, la Juventus, il Napoli e tutte le altre squadre" le parole dell'ex difensore

Egle Patané

Senza Hakimi, Lukaku e Conte... una squadra più debole secondo quanto ipotizzato dall'ex interista Riccardo Ferri che nella lunga intervista rilasciata a Tuttosport si ravvede e spiega.

Cominciamo da Handanovic? 

"Samir rientra sempre in quel gruppo di portieri difficili da sostituire. È già stato decisivo in positivo in 2-3 gare anche quest’anno. Purtroppo di quelle gare ci si dimentica troppo in fretta. A Firenze, per dirne una, è stato fondamentale. Giusto che la società inizi a guardarsi intorno. Questo però può mettere ulteriore pressione. Farsi scivolare tutto addosso non è possibile, ma a 37 anni non ti devi preoccupare se vieni messo in discussione, a 20 sì".

Quanto è cambiata la difesa tra Conte e Inzaghi? 

"Resta una difesa invidiata da tutti perché Bastoni, Skriniar e De Vrij, non li ha nessuno. Se vado a vedere in casa della Juventus i nostri giocherebbero con Allegri? Secondo me sì. Giocherebbero nel Milan? Secondo me ancora sì. Potrebbero giocarsela solo con Tomori in questo momento. Il Napoli? Solo Koulibaly può giocarsela con loro. E gli altri due?".  

Le piace Armando Izzo? 

"Mi piace molto. Ma poi quando vieni all’Inter ti devi confrontare con un’altra realtà, altre pressioni, altre responsabilità. Izzo deve venire qui e dimostrare di valere quanto gli altri se non di più per meritare una maglia da titolare. La stagione è molto lunga: ci vogliano giocatori capaci a calarsi nella realtà Inter ma che abbiano anche una fisicità importante e Izzo è sicuramente uno di questi giocatori".

È sempre l’Inter la squadra di battere? 

"La Juventus tornerà presto a essere competitiva. Il Milan ha qualcosa in più come atteggiamento tattico: sa soffrire per poi colpire ed è ancora senza Ibra. La curiosità è vedere se il Milan cambierà. Juve, Milan e Napoli possono giocarsela con l’Inter. La coppa d’Africa toglierà grande qualità un po’ a tutti ma soprattutto a Spalletti".

Se Inzaghi vincesse lo scudetto lo farebbe con una squadra più debole di un anno fa? 

"Fare paragoni con la scorsa stagione non si può. È cambiata l’Inter ma sono cambiate il Milan, la Juventus, il Napoli e tutte le altre squadre. Ripetere il campionato di un anno fa e mettere la seconda stella al petto sarebbe un grande successo e gli sarebbe riconosciuto…"

tutte le notizie di