La volontà delle tre parti - Inter, Psg e Icardi - è quella di chiudere tutto entro domenica. Una volontà, appunto, ma anche una necessità soprattutto dei due club secondo il Corriere dello Sport. Il motivo? Inter e Psg in questo momento non hanno bisogno dell’ok dell’attaccante per perfezionare l’operazione perché Maurito lo scorso 2 settembre ha sottoscritto con la società di proprietà dell’emiro Al Thani un contratto da un anno più opzione per i successivi 4 - spiega il giornale -. In caso contrario, tutto tornerebbe in ballo, considerando che l'ex capitano nerazzurro resta legato all'Italia. E così il Corriere dello Sport non dimentica la "passione" di Icardi per la Juventus, con i bianconeri sempre in agguato. "Convincere l’abilissima Wanda Nara ad accettare un nuovo trasferimento al Paris Saint-Germain dopo il 1° giugno non sarebbe facile e il rischio diventerebbe quello di andare incontro a lunghissimi mesi estivi e a un pizzico di autunno (il mercato chiuderà a inizio ottobre) con la bellissima argentina protagonista e i dirigenti di viale della Liberazione costretti a straordinari", sottolinea il Corsport

Differenza sostanziale con la situazione di Ivan Perisic. Il croato, contrariamente a Icardi, non intende tornare in Serie A e questo ha reso possibile il rinvio dei dialoghi per la permanenza in Baviera. Inter e Bayern hanno già un accordo e, nonostante il diritto di riscatto in favore dei tedeschi sia scaduto a metà maggio, Marotta Rummenigge hanno potuto tranquillamente posticipare la decisione.

VIDEO - L'ULTIMO ACUTO DI ETO'O: DOPPIETTA E COPPA ITALIA IN BACHECA

Sezione: Rassegna / Data: Ven 29 maggio 2020 alle 09:12 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print