A Parma, Radja Nainggolan è tornato a essere il Ninja degli anni alla Roma. E' quanto si legge sull'edizione odierna del Corriere dello Sport, che poi spiega che al Tardini è stato sancito il ritorno su buoni livelli del belga che nello scacchiere nerazzurro è considerato da Spalletti un elemento chiave. Dopo sabato sera - scrive il quotidiano romano - i 38 milioni messi a bilancio dal club di corso Vittorio Emanuele per averlo sembreranno una cifra meno astronomica, anche se la strada verso la completa “redenzione” è lunga. Ha molte prestazioni sottotono, qualche infortunio e comportamenti non sempre professionali da farsi perdonare, come ha ammesso il diretto interessato: "Per la prima volta nella mia carriera ho vissuto un momento particolare, ma sto cercando di dare il meglio, di offrire ottime prestazioni - le parole di Radja a Sky -. Il mio obiettivo è portare tante vittorie. Le vicende extra-calcistiche? Un calciatore ha due vite: una in campo e l'altra fuori. Quando vanno a toccare persone vicine a me, mi danno fastidio e poi, con il carattere che ho, questo può creare tensioni in più".

Più asciutto nel fisico rispetto a inizio stagione, Nainggolan non è ancora al top, ma i suoi numeri a Parma hanno fatto capire quello che può dare: oltre all’assist per l’1-0, Nainggolan ha messo insieme l’86% di precisione passaggi, 3 occasioni da rete create, 16 duelli con gli avversari e il 50% di contrasti vinti.

VIDEO - LINCOLN, RIGORE "ALLA ZAZA" AL SUB 20. MA LA FORTUNA LO AIUTA

Sezione: Rassegna / Data: Lun 11 Febbraio 2019 alle 08:40
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture