FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Capello: “In UK un altro calcio anche per gli arbitri. Juve? Niente scudetto”

ROME, ITALY - MAY 13:  Fabio Capello attends during the Charity Gala Dinner on May 13, 2019 in Rome, Italy.  (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images for Lega Serie A)

Le parole dell'ex c.t. inglese: "Mi fa ridere quando i miei colleghi in tv per giustificare un fallo dicono “Beh, lo tocca”. Che vuol dire?"

Alessandro Cavasinni

Intervista del Corriere dello Sport a Fabio Capello. Tanta Nazionale, ma non solo: si parla anche di campionato. Ecco alcuni passaggi.

Mourinho ha detto di aver trovato la Serie A molto migliorata rispetto a come l’aveva lasciata.

"Ci sono delle novità interessanti, è vero, ma quando vedo la Premier League sembra un altro sport. E dipende anche dagli arbitri".

Mancano arbitri bravi da noi?

"No, è un fatto di cultura. Da noi ogni contrasto è un fischio, all'estero non buttano la palla fuori neppure con l’uomo a terra. Mi fa ridere quando anche dei miei colleghi in tv per giustificare un fallo dicono “Beh, lo tocca”. Che vuol dire? C’è gente che si tuffa in continuazione, i famosi falli di svenimento... Così non cresciamo di livello".

Il Psg, dopo aver comprato tutti, l’Emiro vincerà la Champions?

"Non lo so, non è detto. Nelle squadre serve equilibrio, oltre alla qualità. La sconfitta contro il Rennes l’ha dimostrato. Ma certo, l’attrattiva è enorme: prima non mi sarei mai sognato di guardare una partita di campionato del Psg, ora sono curioso. Dai tenori ti aspetti sempre un acuto, il calcio è anche e sopratttutto uno spettacolo".

Le spagnole invece sono in crisi. Da ex allenatore del Real Madrid, che idea si è fatto?

"Servirà del tempo per ricostruire. Il Madrid ha bisogno di un paio di difensori centrali: li ho visti contro il Maiorca, mamma mia. Ma davanti stanno bene, anche senza Mbappé, perché hanno talenti interessanti. Il Barcellona non può muoversi, ha problemi economici. Ma con gli stadi pieni aumenteranno i ricavi e piano piano apriranno un nuovo ciclo".

In Italia si aspettava un Napoli così pronto?

"Sinceramente sì. L’avevo detto prima dell’inizio del campionato. Ora è più facile. Già Gattuso aveva fatto un ottimo lavoro. Spalletti ha dato nuovi impulsi. E i risultati si vedono".

La Juve è fuori dal discorso scudetto?

"Per me sì. È già troppo lontana dal vertice e ha tante squadre davanti. È un campionato molto combattuto e se devi recuperare punti a Napoli, Milan, Inter e Roma diventa complicato". 

tutte le notizie di