L’Italia è ripartita da Mancini. Come la vede Walter Zenga? “È la scelta giusta. Sono felice quando gli amici ottengono soddisfazioni. Però c’è da vedere tante cose. Tutto il sistema. Una persona può essere vecchia a quarant’anni e giovane a settanta. L’importante è andare avanti insieme", dice l'ex portiere nerazzurro a Tuttomercatoweb.

E lei, pronto a ripartire?
"Dall’inizio è molto complicata... le panchine sono assegnate. Non sono rientrato in alcuni discorsi. Speravo di salvarmi a Crotone e rimanere, presa dall’inizio questa squadra avrebbe potuto fare quaranta punti. Siamo stati belli e sfortunati".

Rimpianti?
"A Genova palo a dieci minuti dalla fine, a Verona contro il Chievo gol annullato, contro la Lazio salvataggio di De Vrij. Della stagione di Crotone mi rimarrà sempre la partecipazione della città e il grande amore. Mi ha fatto male retrocedere. Mi ha fatto piacere leggere di Sacchi che seguiva il mio Crotone".

Rivelazione del Mondiale: su chi punta?
"Il Belgio, sempre. Ha grandi giocatori. Ritengo sia una squadra di spessore, nonostante l’assenza di Nainggolan".

A proposito di Nainggolan. L'Inter prepara l’assalto...
"Qualsiasi giocatore che possa aumentare il tasso tecnico di una squadra è benvenuto. Il mercato come ha detto Spalletti accosta nomi che fanno illudere la gente. Ogni giorno ne leggeremo tanti".

Sezione: News / Data: Gio 14 Giugno 2018 alle 12:07 / articolo letto 7492 volte / Fonte: TMW
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni