FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Veltroni: “Inter al vertice della lotta scudetto anche senza Lukaku e Hakimi”

MILAN, ITALY - MAY 23:  Romelu Lukaku and Achraf Hakimi of FC Internazionale celebrate with the trophy for the victory of "scudetto" at the end of the last Serie A match between FC Internazionale Milano and Udinese Calcio at Stadio Giuseppe Meazza on May 23, 2021 in Milan, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors (Photo by Claudio Villa - Inter/Inter via Getty Images)

L'analisi sulla Gazzetta: "L'Inter ha turato la falla finanziaria e scelto giocatori che mantengono i nerazzurri al vertice"

Raffaele Caruso

Archiviata la finestra estiva di calciomercato, come sempre ora sarà il campo a parlare. Walter Veltroni, sulle colonne de La Gazzetta dello Sport, ha commentato le scelte delle varie dirigenze e di come le big di Serie A, coinvolte nella lotta scudetto, si sono rafforzate.

"Chi si è rafforzato di più? Va fatta una premessa: non sempre le pagelle di fine estate corrispondono alla classifica di primavera. Ma l’impressione è che il Milan sia la società che ha operato meglio per rafforzare i vari settori con innesti di qualità - spiega Veltroni -. Che la Roma abbia comprato uno di quei centravanti che fanno squadra, come Abraham, e abbia affrontato il problema annoso del portiere. Che l’Inter, pur spogliata di due campioni assoluti come Hakimi e Lukaku, abbia turato la falla finanziaria e scelto giocatori come Dumfries, Dzeko, Correa, Calhanoglu che mantengono i nerazzurri al vertice delle previsioni per lo scudetto. Atalanta, Lazio e Napoli hanno conservato l’assetto competitivo che le iscrive nel novero delle sette favorite per il tricolore. Torino, Fiorentina, Sampdoria, Sassuolo hanno fatto sforzi per tenere i loro giocatori migliori e in qualche caso — i granata e i blucerchiati — si sono rafforzati sul filo di lana del calciomercato. E la Juventus? Luci e ombre. Le luci sono l’arrivo di Locatelli, giocatore capace di geometrie e di inserimenti, quello di Kean, che Allegri riuscirà a guidare verso il suo naturale approdo di qualità, e, in generale, il ringiovanimento di una rosa che aveva bisogno di immaginarsi, da ora, come base di un progetto lungo. Sono arrivati dei nazionali e si è rafforzato, quasi raddoppiando, quel nucleo di giocatori italiani, attaccati alla maglia, che Allegri ha sempre ritenuto essenziale per una squadra competitiva. È andato via Ronaldo, e non è poco".

tutte le notizie di