news

Trentalange: “Parola agli arbitri? Serve aprire un canale di comunicazione”

ROME, ITALY - FEBRUARY 22:  CAN President Alfredo Trentalange attend the FIGC Elective Assembly at Cavalieri Waldorf Astoria Hotel on February 21, 2021 in Rome, Italy.  (Photo byMarco Rosi/Getty Images)

Il numero uno dell'Aia: "La comunicazione deve partire dai punti di forza che non possono essere solo gli errori che umanizzano l’arbitro"

Christian Liotta

Parlando ai microfoni dell'Ansa a margine della presentazione del nuovo logo dell'Assoarbitri, Alfredo Trentalange, numero uno dell'Aia, torna ad aprire alla possibilità di dare voce ai direttori di gara: "Ci si può arrivare, ci abbiamo provato. Siamo molto bravi ad arbitrare – ammette – un po’ meno a comunicare. Perché si possa fare questo ci devono essere però i presupposti. Bisogna aprire un canale di comunicazione che non può essere a intermittenza, non può essere solo su ciò che divide, non si può fare troppa dietrologia. Se vogliamo fare cultura sul fair play e sull’etica, dobbiamo tutti sforzarci di comprendere l’altro. La comunicazione deve partire dai punti di forza che non possono essere solo gli errori che umanizzano l’arbitro, ma dietro il lavoro dei fischietti c’è molto altro. Valori che vanno promossi e condivisi”.

tutte le notizie di