(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "La Liga riprende, se Dio vuole, l'11 giugno. Stiamo lavorando perché sia tutto pronto. Il prossimo campionato inizierà il 12 settembre". Il presidente della Liga, Javier Tebas, intervenuto alla tavola rotonda organizzata da Marca dal titolo "Lo sport che verrà" ha confermato le date della ripresa del campionato in Spagna e quella della prossima stagione: "Speriamo che Madrid e Barcellona passino alla Fase 2. Ci sono più di 130 persone che stanno lavorando perché tutto possa essere fatto in un modo nuovo. Viaggi, organizzazione, tutto".

Tebas ha difeso la posizione di voler tornare il calcio il più presto possibile a beneficio dell'economia nonostante le numerose critiche ricevute: "È importante che la sventura della pandemia non generi una sventura economica - ha sottolineato -. C'è molta demagogia: non mi ricordo di tutto ciò che abbiamo dovuto sentire che non abbiamo un cuore e cose del genere. L'industria è molto importante, generiamo l'1,37% del PIL, oltre 185.000 posti di lavoro diretti. Il ritorno del campionato non significa che non avremo perdite milionarie. I nostri club perderanno almeno 700 milioni di euro e dovranno essere recuperati". Tebas ha ringraziato la Federcalcio spagnola per l'ok alle partite di lunedì. "Grazie alla RFEF saremo in grado di giocare questi cinque lunedì rimanenti - ha aggiunto - Speriamo che un giorno potremo giocare lunedì e venerdì senza dover negoziare". (ANSA).

Sezione: News / Data: Ven 29 maggio 2020 alle 13:44 / Fonte: ANSA
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print