FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Roma, Pellegrini: “Con l’Inter brutta sconfitta, ma che sostegno dai tifosi”

SALERNO, ITALY - AUGUST 29: Lorenzo Pellegrini of AS Roma celebrates after scoring the 0-4 goal during the Serie A match between US Salernitana and AS Roma at Stadio Arechi on August 29, 2021 in Salerno, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

"Mourinho è esattamente quello di cui la Roma, i giocatori, i dipendenti, lo staff e i tifosi avevano bisogno. Penso che sia la persona perfetta al momento giusto", ha aggiunto

Redazione FcInterNews

Intervistato dal sito ufficiale della Roma, il capitano della Roma Lorenzo Pellegrini ha analizzato il 2021 della sua squadra, in particolare dell'arrivo di Josè Mourinho sulla panchina giallorossa: "È stato un fulmine a ciel sereno: nessuno si aspettava una notizia come questa. Quando si annuncia un allenatore del genere si crea un entusiasmo che è quello che continuiamo a percepire in tutte le partite all’Olimpico. A me vengono i brividi tutte le volte che giochiamo, anche di lunedì sera con lo Spezia ci sono 45.000 tifosi a sostenerci, cosa che per altre squadre non succede. Questo ci deve dare la forza per andare avanti e rendere orgogliosi tutti, dai tifosi a tutte le persone che sono intorno a noi, dallo staff ai dipendenti. La cosa che mi piace più del Mister è che gli interessa solo una cosa: continuare a lavorare per cercare di vincere. Questo è quello anche io voglio più di tutto. Ho 25 anni, gioco nella Roma e ho voglia di vincere. Tutti nel nostro lavoro vogliamo realizzarci e io come calciatore voglio vincere, voglio arrivare primo. Mourinho è esattamente quello di cui la Roma, i giocatori, i dipendenti, lo staff e i tifosi avevano bisogno. Penso che sia la persona perfetta al momento giusto".

L'arrivo di Mourinho è coinciso con l'addio di Fonseca: cosa resta di queste due stagioni caratterizzate anche da un'emergenza sanitaria senza precedenti dovuta al Covid?

“Mister Fonseca ha sempre cercato di trasmetterci il suo modo di pensare il calcio e per me ha lasciato un’eredità in tanti di noi. Mi ha insegnato molto, mi ha aiutato a crescere e lo ringrazierò sempre. Ho un ottimo rapporto con lui. Situazioni come quella dopo lo Spezia in Coppa Italia o come la pandemia e tutto quello che ha comportato non lo hanno aiutato, ma sono sicuro che troverà il giusto progetto per lui e che farà ancora bene”.

Uno dei momenti difficili è stata la sconfitta all'Olimpico con l'Inter: come hai vissuto il sostegno incessante del pubblico in particolare negli ultimi 10 minuti?

"Quella è stata l'unica nota positiva della serata. Come tutti i tifosi che erano sugli spalti con me e come i miei compagni ho vissuto male quella brutta sconfitta. Purtroppo quando questo succede bisogna analizzare ogni aspetto per cercare di migliorarsi".

tutte le notizie di