FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Prof. Carù: “Eriksen? Stop calcio, troppi rischi. Lui come Fadiga”

COMO, ITALY - AUGUST 04: Head Coach Simone Inzaghi of FC Internazionale embraces Christian Eriksen of FC Internazionale at Appiano Gentile on August 04, 2021 in Como, Italy. (Photo by Mattia Ozbot - Inter/Inter via Getty Images)

Il parere autorevole del cardiologo che collaborò con l'Inter anche per i casi Kanu e Biabiany

Alessandro Cavasinni

Per parlare del possibile ritorno al calcio giocato di Eriksen, il Messaggero ha intervistato il professore Bruno Carù, cardiologo dello sport di fama internazionale e che in passato ha collaborato anche con l'Inter per quanto riguarda i casi di Kanu, Fadiga e Biabiany.

Ha letto del ritorno agli allenamenti di Eriksen?

"Sì, ma giocare a calcio col defibrillatore automatico è un problema e un rischio".

Esclude che Eriksen possa tornare a giocare ad alti livelli?

"Dico che sarebbe meglio non farlo perché, specie negli sport di contatto, potrebbe subire un trauma e il device rompersi. Facesse un altro sport, per esempio il nuoto, sarebbe diverso".

Nel '96 si occupò di Kanu.

"Situazione diversa rispetto a Eriksen. Kanu aveva avuto un'aspirazione congenita della valvola aortica che era stata aggiustata e plastificata a Cleveland in maniera meravigliosa, ma non cambiata. Ed infatti, dopo l'intervento riprese a giocare".

Precedenti con patologie analoghe a quella di Eriksen?

"Ricordo il caso di un altro giocatore dell'Inter, Fadiga. Gli diagnosticammo un problema cardiaco e non poté giocare in Italia. Lui andò a giocare all'estero, contro il parere dei medici. Ma a causa di quel problema giocò poco e dovette ritirarsi".

tutte le notizie di