(ANSA) - ROMA, 14 MAR - "Difficile entrare nel merito dell'istituto di molte plusvalenze perché è un problema civilisticamente serio e neanche un giudice ordinario ora è in grado di stabilire il valore effettivo di un calciatore, ma vanno tenute sotto controllo e posso dire che ci sono altri piccolissimi ritocchi nei bilanci che spostano gli indici in maniera significativa. Lì ci metteremo mano". Lo dice il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, a margine del comitato di presidenza. "Ci sono anche società di Serie A importanti che hanno fatto scambi alla pari facendo plusvalenze vere con operazioni ineccepibili", ha aggiunto il numero uno di via Allegri.

L'introduzione delle seconde squadre "è passata come rivoluzione epocale, io ero favorevole in Lega Pro ma personalmente ho osteggiato la versione di questo provvedimento preso nell'arco di qualche giorno" dalla Figc allora commissariata. Adesso "ho la sensazione che sul progetto delle seconde squadre, così come è concepito oggi, siamo arrivati troppo in ritardo" ha poi aggiunto il numero uno della Figc, a margine del comitato di presidenza. "A Torino ci sarà un incontro con altre società sul tema e capire limite di età - ha aggiunto Gravina - il concetto degli under 23 così com'è è anacronistico. Se si tratta di impiegare giovani selezionabili ok, se invece giocano molti non selezionabili under 23 allora ci dobbiamo interrogare. Poi, se partecipa solo una società diventa improbabile". "Voglio capire - si domanda dunque il numero uno di via Allegri - le società hanno davvero questo interesse? Ho la sensazione che siamo arrivati in ritardo, in Germania la stanno togliendo''.

VIDEO - TRAMONTANA NE HA PER TUTTI: NON SI SALVA NESSUNO

Sezione: News / Data: Ven 15 Marzo 2019 alle 06:30 / Fonte: ANSA
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print