FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Nuovo stadio, La Russa sfida Sala: “Sono pronto ad un confronto, dica dove”

Nuovo stadio, La Russa sfida Sala: “Sono pronto ad un confronto, dica dove”

Il senatore: "Giusto fare il nuovo stadio, ma non sono d'accordo sulla demolizione del Meazza"

Christian Liotta

Il senatore di Fratelli d’Italia Ignazio La Russa, interista doc, sfida il sindaco Giuseppe Sala, nerazzurro pure lui, sul futuro di San Siro. Intervistato da Il Giorno, l'ex ministro si schiera a favore del mantenimento dei due impianti, col vecchio Meazza da affiancare alla nuova arena di Inter e Milan: "Non è vero, come sostiene il primo cittadino, che tenere due stadi non sia possibile per motivi economici. Scelga Sala il giorno, l’ora e il luogo: sono pronto a confrontarmi con lui su questo tema quando e dove vuole. Non bisogna abbattere San Siro per due motivi. Uno è storico: le tre cose di Milano che il mondo conosce sono il Duomo, la Scala e San Siro. Il secondo motivo è ambientale: il costo della demolizione è enorme (si parla di 50 milioni di euro, ndr), soldi che i club potrebbero risparmiare. Senza dimenticare il fatto che l’abbattimento avrebbe conseguenze gravi sull’inquinamento. Sala lo sa? Gli ambientalisti dove son finiti?".

La Russa prosegue: "La mia tesi parte da tre punti. È giusto che venga realizzato il nuovo stadio come lo chiedono Milan e Inter. È giusto che il Comune non faccia troppe storie sulle volumetrie chieste dai club, perché pagano loro il nuovo impianto e dunque bisogna garantire loro un vantaggio economico. Il Comune non può avere la botte piena e la moglie ubriaca. Non sono d’accordo, invece, sulla demolizione, seppur parziale, dello stadio Meazza. Ci sono vari esempi nel mondo di stadi uno di fianco all’altro. A Buenos Aires gli stadi di Racing e Independiente sono a 300 metri. A Liverpool, il famoso Anfield Road è distante 900 metri dal Goodison Park dell’Everton".

Lei ha parlato con Milan e Inter dell’idea dei due stadi?

"Ne ho parlato con il presidente del Milan Paolo Scaroni, che ha paura che l’iter progettuale si complichi nuovamente. Ma quando gli ho spiegato che nella mia ipotesi non ci sarebbe una diminuzione delle volumetrie, si è detto disponibile a prendere in considerazione l’opzione dei due stadi. Se il centrodestra vincerà le Comunali, spero che il nuovo sindaco Luca Bernardo possa realizzare questo progetto. In caso contrario, mi auguro di convincere Sala".

tutte le notizie di