Anche l'ex interista Massimo Paganin parla del brutto sfogo di Antonio Conte ai microfoni di TMW Radio: "Ancora non si è sentito nessuno dalla dirigenza, ma forse perché c'è una sfida di Europa League a preparare. Non riesco a spiegarmi la sua uscita. Se fosse stata costruttiva, avrebbe parlato nelle dovute sedi con chi doveva. Solo Conte sa cosa non è andato bene nella stagione. Ci sono dei punti da smussare, non da cambiare completamente. Se sei arrivato secondo, vuol dire che si è lavorato bene comunque. Si deve lavorare per vincere, per migliorare, non si può distruggere tutto. Così costringi la società a prendere delle decisioni. E non penso che non possa accadere qualcosa dopo una presa di posizione così netta".

Ci possono essere ripercussioni anche all'interno della squadra? "Si crea una tensione importante, così come in ogni altro ambito lavorativo. La bravura dell'allenatore sarà quella di isolare il più possibile la squadra, perché ci si gioca una competizione importante. Sarà una partita secca e non si potrà rimediare a certi problemi dopo qualche settimana". Battuta finale su Massimiliano Allegri: "Si adatta abbastanza bene agli uomini che ha ha disposizione e poi costruisce da lì il suo gioco".

Sezione: News / Data: Lun 03 agosto 2020 alle 20:35
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print