FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

focus

Lukaku al Chelsea, plusvalenza record per l’Inter: l’impatto a bilancio

COMO, ITALY - JULY 28: Romelu Lukaku of FC Internazionale looks on during the pre-season friendly match between FC Internazionale and FC Crotone at the club's training ground Suning Training Center at Appiano Gentile on July 28, 2021 in Como, Italy. (Photo by Mattia Ozbot - Inter/Inter via Getty Images)

Si tratta della maggior plusvalenza fatta registrare a bilancio dall’Inter per un singolo calciatore

Raffaele Caruso

Romelu Lukaku è ufficialmente un nuovo giocatore del Chelsea. L'attaccante belga, dopo lo scudetto vinto con l'Inter, si trasferisce ai Blues per 115 milioni di euro più bonus: per il club nerazzurro e per la Serie A si tratta della cessione più ricca della storia.

Qual è l'impatto di quest'operazione sul bilancio dell'Inter? Come riportato da Calcio&Finanza, "il costo storico a bilancio di Lukaku, arrivato nell’estate 2019 dal Manchester United, al 30 giugno 2020 è pari a 67,1 milioni di euro, dopo due anni di ammortamenti, il valore netto a bilancio si aggira intorno ai 40 milioni di euro. La plusvalenza, così, derivante dalla cessione del giocatore dovrebbe essere pari a circa 75 milioni di euro, che diventerebbe la maggior plusvalenza fatta registrare a bilancio dall’Inter per un singolo calciatore".

"L’impatto positivo, tuttavia, dovrebbe essere inferiore ai circa 75 milioni della plusvalenza, considerando infatti che l’Inter dovrebbe versare il 5% di contributo di solidarietà Fifa (pari a circa 5,75 milioni) e, secondo le ricostruzioni della stampa, dovrebbe girare una percentuale del 6% sulla rivendita al Manchester United (pari a circa 6,9 milioni). Dal punto di vista del cartellino, quindi, l’effetto positivo sarebbe pari a poco più di 60 milioni di euro - riporta Calcio&Finanza -. Si può considerare, inoltre, il risparmio in termini di costi del giocatore, che ha un peso pari a circa 24 milioni tra stipendio lordo (circa 11,1 milioni nella prossima stagione rispetto a un netto di 8,5 milioni grazie all’applicazione delle agevolazioni del Decreto Crescita) e ammortamenti (intorno ai 13 milioni)".

tutte le notizie di