(ANSA) - ROMA, 30 LUG - A seguito dell'approvazione da parte del Coni del nuovo Statuto Figc, l'Associazione italiana arbitri (Aia) - a circa un anno dalla battaglia legale che aveva visto il numero uno, Marcello Nicchi, a rischio ineleggibilità - oggi sottolinea l'importanza dell'art. 26, comma 1, che prevede per il presidente dei fischietti italiani il ruolo di membro di diritto del Consiglio Federale. "Appare così rafforzata la rappresentanza dell'Associazione - fanno sapere gli arbitri - che viene espressa attraverso il 2% ad essa attribuito, con il diritto di voto nel principale organo direttivo collegiale della Figc". "Lo avevamo sempre sostenuto, in tutte le sedi, a ragion veduta, e oggi registriamo questo meritato riconoscimento delle nostre idee e delle posizioni da sempre sostenute, con fermezza e cognizione, nel rispetto delle armonie istituzionali", afferma Nicchi, commentando la notizia condivisa con il Comitato Nazionale.

Sezione: News / Data: Mer 31 luglio 2019 alle 11:32 / Fonte: ANSA
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
vedi letture
Print