Raggiunto dai microfoni di 'Dribbling' su Rai 2, l'ex bomber del Brescia Dario Hubner ripensa al suo gol all'esordio in Serie A il 31 agosto 1997 con assist del neo-allenatore della Juve Andrea Pirlo nella sconfitta per 2-1 subita in rimonta al Meazza contro l'Inter: "Me lo ricordo, è stato un mezzo pallonetto verso l'area: l'ho stoppata, mi sono girato e l'ho messa sotto il sette. Ero abituato a stadi più piccoli. Debuttare a San Siro di fronte a 82mila persone con il tributo di Ronaldo è stata una cosa particolare"

Si parla anche di attualità. "Da quali centravanti mi aspetto la sorpresa o la conferma? Molto dipende dalle squadre, se mettono in condizione l'attaccante di fare gol. Penso a Immobile, Dzeko, Lukaku, Ronaldo: ci sono tantissimi attaccanti bravi che possono fare molti gol. Tutto dipende dalle squadre e da come giocano, perché Dario Hubner senza i compagni non avrebbe fatto niente".

VIDEO - "DANILONE, SEMPRE LUI!". E TRAMONTANA MANDA IN TILT IL TELEVISORE

Sezione: News / Data: Lun 28 settembre 2020 alle 06:30
Autore: Daniele Alfieri / Twitter: @DaniAlfieri
Vedi letture
Print