FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Gravina: “Plusvalenze? Nessun tribunale accetterebbe dei criteri oggettivi”

MILAN, ITALY - OCTOBER 06: President of FIGC Gabriele Gravina attends the conference for the presentation of the Giulio Campanati international award at Casa Azzurri on October 06, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Vincenzo Lombardo/Getty Images)

Il presidente FIGC: "Ci sono altre modalità alle quali stiamo lavorando, ma solo ai fini di valutazioni nostre interne"

Mattia Zangari

A margine del Consiglio Federale andato in scena oggi, Gabriele Gravina si è presentato in conferenza stampa per illustrare i temi messi sul tavolo durante la riunione. Focalizzandosi anche sul casoplusvalenze, tornato caldo proprio nella giornata di oggi dopo la notizia delle acquisizioni di documenti nelle sedi dell’Inter e della Lega Serie A da parte della Guardia di Finanza: "Ci devono essere dei criteri oggettivi, fermo restando che penso che sarebbero confutati un secondo dopo - le parole del presidente della FIGC -. I criteri oggettivi di oggi arriverebbero dalle leggi di mercato, che sono di natura soggettiva: nessun tribunale ordinario accetterà un criterio di questo tipo, lo dico oggi così sgombriamo il campo da equivoci. Ci sono altre modalità alle quali stiamo lavorando, ma solo ai fini di valutazioni nostre interne: non possono impattare a livello di bilancio di società di capitali. Tra l'altro le licenze nazionali le dobbiamo mandare alla giunta del CONI, che le manda alla COVIS: io ho ricevuto l'approvazione, sono state ritenute molto stringenti e severe, mi sembra che le modalità attraverso le quali procediamo siano chiare. Le leghe professionistiche, questo è un atto anche schizofrenico, a volte manifestano delle difficoltà, chiedono interventi per salvare il calcio italiano, ci chiedono di andare al governo e poi improvvisamente ritengono che queste cose non si debbano fare. Questa cannibalizzazione la lascio ai soggetti interessati, io devo fare sintesi di tutte le componenti: esistono delle regole e vanno rispettate. C'è un tema: c'è una valutazione politica all'interno del consiglio federale. Ho sentito parlare di aspetti fiscali: la FIGC ha adottato il principio del controllo in determinati periodi dell'anno sul pagamento dell'IRPEF. In altri settori c'è il ravvedimento operoso e si può chiedere la rateizzazione in cinque anni: i nostri presidenti no, devono pagare subito e punto. Se ci sono squilibri nell'ambito dell'economia di mercato che penalizzano le società di capitali io qualche riflessione la devo fare".

tutte le notizie di