FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

news

De Siervo: “Interspac, criticità da risolvere ma il momento è giusto”

MILAN, ITALY - JULY 14:  Luigi De Siervo attends the serie A football League draws For 2021-2022 season photocall on July 14, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Vincenzo Lombardo/Getty Images)

L'intervento durante il seminario organizzato da Interspac

Redazione FcInterNews

Al seminario di Interspac, "Se non ora quando?", ha partecipato anche l'amministratore delegato della Lega Serie ALuigi De Siervo.

"Ciascun tifoso pensa alla propria squadra del cuore 15-20 volte al giorno - dice -. Sull'indissolubilità del legame con la squadra stiamo cercando di costruire delle relazioni, anche economiche. I canali tematici una volta erano unidirezionali, oggi il mondo è stravolto dalla digitalizzazione e tutto è interattivo. La Lega Serie A è una media company che produce le partite in 15 campi su 20, abbiamo un centro di produzione a Lissone in cui arriva il segnale e nella quale ci sono anche gli arbitri per il Var. Distribuiamo 5 segnali per partita nel mondo a seconda della pubblicità che serve far arrivare. Stiamo passando dai mecenati ai fondi, con sempre più proprietà internazionali. Questo porta professionalità e una percezione di valore inespresso, che però non deve scollegarci dalla base sociale. Credo che nessuno dei modelli citati all'estero possa funzionare in Italia. Il contesto Bayern funziona perché è in attivo, avesse i debiti economici del Barcellona non funzionerebbe. Purtroppo i contratti sono rimasti immutati durante la pandemia. Questo crea le criticità che andranno risolte. C'è un tema di impulsività delle decisioni da parte dei tifosi. Però è un'iniziativa da seguire con massima attenzione perché il momento è quello giusto. Manca un sistema di norme chiaro quindi il suggerimento è approfondire e coinvolgere altre tifoserie. La Lega darà un supporto anche tecnico di analisi e supporto, ci sarà un osservatorio per queste realtà. Chiudo citando il caso Lipsia: non avrebbe mai raggiunto quei livelli se non ci fosse stato un imprenditore. Si presuppone un'immissione di capitale diversa e più forte".

tutte le notizie di