(ANSA) - LONDRA, 09 APR - E' stato scelto l'hashtag #PlayerTogether dai calciatori della Premier League per lanciare la loro "azione collettiva" per raccogliere soldi a favore del servizio sanitario nazionale, in prima linea nella lotta contro il coronavirus. Mentre resta in stallo la trattativa con i club della massima divisione inglese per il taglio degli stipendi, alcuni dei giocatori inglesi più famosi hanno promosso una raccolta fondi, in collaborazione con la charity ufficiale dell'NHS. L'iniziativa ha ottenuto il plauso anche del ministro della Sanità, Matt Hancock, che nei nei giorni scorsi si era espresso in maniera molto critica verso gli stessi giocatori, colpevoli di non aver accettato la richiesta di riduzione del 30% dei propri emolumenti. Tramite un comunicato, pubblicato da più di 150 giocatori della Premier sui rispettivi account social, si spiega come la volontà sia di "collaborare assieme per creare un'iniziativa volontaria e separata da qualsiasi discussione in corso con la lega o il club". Con l'obiettivo di "cercare di aiutare il maggior numero di persone possibili nel paese, per fare davvero la differenza". Non è stato comunicato a quanto ammontino finora i contributi raccolti, ma i calciatori hanno assicurato che le donazioni "aiuteranno molto velocemente gli operatori sanitari in prima linea". (ANSA).

Sezione: News / Data: Ven 10 aprile 2020 alle 05:30 / Fonte: ANSA
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print