FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Calcio a picco. Cottarelli: “Servono infrastrutture e azionariato popolare”

Foto Federico Ferramola / LaPresse
07-09-2014 Milano
Economia
Forum villa d’Este  The European House(Cernobbio)
nella foto: Carlo Cottarelli, Commissario per la Spending Review in Italia
Photo Federico Ferramola / LaPresse
September 07-2014 Cernobbio, Italy
Economy
Forum villa d’Este “The European House”
in the photo: Carlo Cottarelli, Commissioner for Public Spending Review in Italy

Gravina: "Il nostro mondo è un asset che fonda il suo impatto su numeri importanti e sul radicamento sul territorio"

Alessandro Cavasinni

Le cifre di ReportCalcio 2021 sono spietate (RILEGGI QUI): il calcio italiano se la passa non male, malissimo. "Il nostro mondo - ha spiegato Gravina a Sky - è un asset strategico che fonda il suo impatto su numeri importanti e sul radicamento pressoché totale sul territorio. ReportCalcio fotografa bene questa multidimensionalità e le criticità del movimento acuite dalla pandemia. La Figc ha avviato un processo di autoriforma, ma in virtù del ruolo che recita nel nostro Paese sarebbe determinante che il Governo riconoscesse tale importanza: da soli non si esce da questa crisi, sostenere il calcio vuol dire aiutare l’Italia a ripartire".

Per Carlo Cottarelli, l’economista che ha analizzato l’esito del Report curato dal centro studi della Figc con Arel e pwc, il punto infrastrutture è lo spartiacque. È lui a snocciolare le cifre dell’effetto Covid: meno 16 per cento per lo sport rispetto al meno 9 dell’economia italiana. Ed è sempre lui, tifoso interista e protagonista dell’operazione Interspac, a indicare alcune strade: "Gli investimenti per le infrastrutture, per garantirsi nuove fonti di ricavi, e l’introduzione dell’azionariato diffuso, per consentire l’iniezione di capitali non subordinati a interessi".

(Fonte: Gazzetta dello Sport)

tutte le notizie di