Chiamato a commentare le parole di Massimo Moratti sull'assenza di rancore per i fatti di Calciopoli, Paolo Bonolis, noto conduttore tv e storico tifoso dell'Inter, dice la sua sulla presa di posizione dell'ex patron nerazzurro su una delle pagine più brutte della storia della Serie A: "Sono parole normalissime, ognuno gestisce i propri rancori come meglio crede - ha detto ai microfoni di RMC Sport -. Certe cose si smussano, il tempo leviga le pietre. Ha perso il rancore, ma rimane la cicatrice per ciò che è accaduto. La Juve ha pagato poco rispetto all’entità del reato, ma adesso basta. Se dentro di lui la cosa è terminata, è terminata. Certe cicatrici però restano, ma non si può costantemente soffrire per queste cose. Il tempo pulisce molte tossine. Sembra che i tifosi debbano per forza guardarsi in cagnesco. A volte capita di incontrarsi. Giusto che gli avversari ci siano, si possono deridere ma vanno sempre rispettati. Io non ho niente contro i tifosi della Juve, c’è stato quel fatto ma non si può essere eternamente arrabbiati per qualcosa".

Sulla candidatura di Moratti alla FIGC, proposta da Andrea Agnelli, Bonolis aggiunge: "La scelta sarebbe ricaduta su una persona di grande spessore, non solo nel calcio ma anche nell’economia italiana. Era una scelta bella, oculata, quindi corretta".

Chiosa dedicata alla possibilità della Juventus di centrare il Triplete in questa stagione: "Ha una rosa più ampia e una compattezza di squadra che può portarli lontano. L’Inter del Triplete era perfetta per quel momento, anche sotto il punto di vista della buona sorte. La Juve, se lo farà, chapeau".

VIDEO - NK BJELOVAR-CROAZIA 1-15: LIVAJA E PERISIC SI GIOCANO LA PALMA DEL GOL PIU' BELLO

Sezione: News / Data: Mer 10 Ottobre 2018 alle 17:40 / articolo letto 15725 volte
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari