FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Aufieri, segr. SLC-CGIL: “Inter, inaccettabile il licenziamento dei magazzinieri”

Aufieri, segr. SLC-CGIL: “Inter, inaccettabile il licenziamento dei magazzinieri”

Parla il leader del sindacato dei lavoratori della comunicazione: "Da due anni aspettiamo il contratto per i dipendenti non sportivi"

Christian Liotta

Intervistato da Radio Punto Nuovo, Francesco Aufieri, segretario generale del Sindacato Lavoratori della Comunicazione della CGIL, ha commentato pesantemente la notizia del licenziamento imminente dei tre magazzinieri deciso dall'Inter: "Qualcosa di inaccettabile. Lavorano all’Inter da molti anni, sono storici dell’Inter. Ci comunicano che l’azienda avrebbe deciso di esternalizzare uno dei quattro magazzini del centro tecnico dell’Inter. E per quelle persone non c’è spazio in nessun posto nel club e quindi rimangono a casa. Abbiamo segnalato la nostra contrarietà e la società che gestisce questi magazzini li può assumere solo con un salario molto più basso e senza nessuna garanzia. Tecnicamente non hanno ancora licenziato questi tre lavoratori. Ma dal primo novembre possono essere licenziati. E l’azienda ci ha confermato che verranno licenziati. Tutto questo, nello stesso giorno in cui vengono garantiti stipendi pazzeschi ai giocatori. Scatterà il licenziamento, sai che ci vengono proposte soluzioni alternative".

Aufieri prosegue: "Due anni fa, la Serie A ci ha convocato per un costituire un contratto collettivo per i lavoratori dipendenti non sportivi. Oggi è una giungla dove c’è di tutto di più. Ma questo contratto, da 2 anni a questa parte, non si sta facendo. Anzi, le società di serie A non vogliono riconoscere i minimi salariali. Ed il tavolo sta saltando. Siamo fermi a livelli salariali non accettabili. Stiamo parlando di minimi standard. Non riusciamo ad avere un passo in più. La riforma dello sport, cantierata da Spadafora, non è andata in porto. Ed anche questo Governo l’ha posticipata. Parliamo di centinaia di migliaia di persone. E non si chiamano Lautaro Martinez”.

 

(IlNapoliOnLine)

tutte le notizie di