(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il progetto di riforma della Champions League, che entrerebbe in vigore a partire dalla stagione 2024-'25, prevede l'allargamento delle competizione da 32 a 36 squadre, e la creazione di una prima fase con sei gironi da 6 squadre ciascuno. Dopo le anticipazioni di ieri del Times, anche il quotidiano sportivo spagnolo As torna sulle voci legate al cambio del format della massima competizione continentale, precisando che la riforma recepirebbe la richiesta dell'Eca, associazione di cui fanno parte i principali club europei, di giocare più partite nella massima competizione continentale, fatto che farebbe aumentare gli incassi sia livello di diritti televisivi che di biglietteria.

Se la riforma venisse varata, le due squadre finaliste di Champions arriverebbero quindi a giocare non più 13 partite in totale, ma 17. Questa sarebbe la soluzione preferita, poi rimane anche l'altra ipotesi che reintrodurrebbe i gironi anche nella seconda fase, al posto degli ottavi, in cui le squadre ammesse giocherebbero sei partite invece delle due del turno ad eliminazione diretta. Ma l'ipotesi più attendibile è quella delle 36 squadre divise in sei gironi da 6, con le prime due di ogni gruppo ammesse agli ottavi di finale, più le quattro migliori terze. Così ogni squadra ammessa alla nuova Champions giocherebbe un minimo garantito di 10 partite: come dire che, spiega As il maggiore ritorno economico è assicurato, anche se questo comporterebbe probabilmente una riduzione del format dei vari campionati nazionali, con 18 squadre invece che 20 nelle varie Premier, Liga, Serie A ed altri tornei 

Sezione: News / Data: Ven 17 Gennaio 2020 alle 23:30 / Fonte: ANSA
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print