FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Adani: “Barella sa di fare la differenza. Dimarco un rigorista, ma mi aspettavo Dzeko”

Adani: “Barella sa di fare la differenza. Dimarco un rigorista, ma mi aspettavo Dzeko”

L'intervento alla Bobo Tv nella trasmissione su Twitch

Redazione FcInterNews

Daniele Adani è intervenuto alla Bobo Tv in diretta su Twitch. Tanti i motivi di analisi. La prima riguarda la Juventus. "Dal punto di vista della Juventus il doppio 3-2 va bene, hanno fatto sei punti. Ma dal punto di vista dell'analisi va male, rimane insicura nel momento in cui si abbassa per un 5-3-2 totalmente speculativo - dice -. Se ti consegni agli altri anche la Sampdoria, che stava facendo male, riprende la partita. Sicuramente, nonostante la rosa più forte del campionato, non è con queste due partite che ti metti al livello di Inter, Milan o Napoli. Per me la Juve non è ancora guarita. Per dieci anni hai gareggiato da sola, senza togliere i meriti. Quei dieci anni così hanno fatto sì che l'Atalanta lavorasse in un certo modo, che le milanesi tornassero. Tutti vanno in tante direzioni, ma sono tutte legate al protagonismo, al gioco. Non basta più portare a casa la pagnotta, devi sentire un certo tipo di percorso calcistico".

Si passa quindi a Inter-Atalanta. "Quando conti una ventina di tiri in porta a testa è significativo. La quantità dei tiri conta anche più del possesso palla per vedere quanto una squadra è offensiva. Lautaro ha fatto un grandissimo gol, un altro. L'Inter è partita meglio, l'Atalanta l'ha ribaltata giocando con una punta e due centrocampisti davanti, questo perché è stata impartita un'idea di calcio da Gasperini. Sullo stile non tradisce. I cambi? Averne cinque vuol dire cambiare la squadra quasi del 50%. Al 60' è uscito il tridente dell'Atalanta, sono entrati Djimsiti e Ilicic che non è più quello dei due anni prima, più Piccoli che non è Zapata, che ti permette di accompagnare in cinque l'azione. Coraggiosa l'idea di Dimarco da terzo al posto di Bastoni, perché Dimarco gioca da terzo a centrocampo, da quinto e da terzo in difesa allo stesso tempo. Ormai è un giocatore di quel livello. Vecino ha dato un apporto simile a quello di Dimarco, le corse che ha lui non le ha nessuno. Quell'inserimento in rosa non lo ha nessun'altro. Sottolineo una grandissima partita di Barella, ormai un centrocampista completo che gioca al livello dei migliori. Si diceva che un anno fa era tra i tre migliori centrocampisti d'Europa ma non era vero. E' stato il migliore dell'Inter l'anno scorso ma è migliorato ancora. Non parlo dei numeri, parlo della leggerezza, della personalità, del sapere cosa fare in ogni situazione, facendolo in maniera giusta. Fa sempre la differenza e lo sa per primo lui. Nelle ultime partite gesticola anche meno, è meno umorale. Partite del genere onorano il calcio. Vederle dal vivo ti fanno capire l'intensità, il coraggio, il trasporto della gente. Una partita da Champions".

Adani parla anche della scelta di far tirare il rigore a Dimarco. "Nel 2016 l'Italia U19 arriva in finale all'Europeo e la Francia di Mbappé vince 4-0. A quella finale l'Italia arriva grazie a tre rigori e una punizione di Dimarco. La porta lui in finale. Sicuramente è rigorista. Dzeko ne ha sbagliati tanti, ma io mi aspetto uno come lui o Brozovic a tirare. L'Inghilterra ha perso l'Europeo facendo tirare i ragazzini. E' sempre il senno del poi ma è un ragionamento che va fatto".

tutte le notizie di