FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

moviola

Moviola Inter-Shakhtar – Hategan risparmia molti cartellini. Giusto annullare i due gol

MILAN, ITALY - NOVEMBER 24: (BILD OUT) referee Ovidiu Hategan speaks with Edin Dzeko of FC Internazionale during the UEFA Champions League group D match between FC Internazionale and Shakhtar Donetsk at Giuseppe Meazza Stadium on November 24, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Sportinfoto/DeFodi Images via Getty Images)

L'arbitro rumeno dimostra un buon senso della posizione e ha personalità quando richiama all'ordine i giocatori dopo qualche scaramuccia, risparmiando però almeno un paio di cartellini gialli che dovevano essere estratti

Niccolò Anfosso

A dirigere la gara tra Inter e Shakhtar Donetsk, valevole per il quinto turno del Gruppo D di Champions League, è stato designato il rumeno Ovidiu Haţegan, coadiuvato dagli assistenti Mihail Grigoriu e Sebastian Gheorghe. Il Quarto Uomo dell’incontro è Radu Petrescu, al VAR il tedesco Christian Dingert, assistente VAR il connazionale Marco Fritz. Si tratta del terzo incrocio tra Hategan e l’Inter, dopo Barcellona-Inter 2-0 del 2018/2019 e Inter-Eintracht Francoforte 0-1 di Europa League della medesima stagione.

Nella prima frazione il direttore di gara lascia correre favorendo la fluidità d'un gioco che comunque alcune interruzioni le subisce per i numerosi contatti in mezzo al campo. Hategan dimostra un buon senso della posizione rimanendo vicino alle traiettorie di gioco; ha inoltre personalità nel richiamare all'ordine i giocatori dopo qualche scaramuccia, risparmiando però almeno tre gialli che dovevano essere estratti.

Un gol annullato per tempo: il primo per posizione irregolare di Darmian davvero per questione di centimetri, nella ripresa invece Lautaro, prima di trovare la battuta a rete, sbraccia liberandosi irregolarmente di Matvijenko.

Di seguito gli episodi più rilevanti:

8' Primo contatto irregolare fischiato dall'arbitro: Dodo copre palla su Dzeko, che è troppo irruento nel pressing, causando così fallo in attacco.

9' Intervento scomposto di Pedrinho su Barella, richiamo verbale per il brasiliano.

12' Scende ad aiutare lo sviluppo Fernando, lo segue aggredendolo con eccessiva foga Ranocchia, che protesta ma è giusto concedere punizione per lo Shakhtar.

15' Sguscia via Tete, lo trattiene Perisic costretto all'infrazione per interrompere la ripartenza laterale dell'avversario.

20' Sembrava inizialmente voler lasciar correre Hategan quando Calhanoglu s'è liberato di Dodo con una netta sbracciata, segnalata con qualche secondo di ritardo tra le proteste ingiustificate del turco.

23' Il direttore di gara mostra personalità richiamando all'ordine Skriniar e Maycon che non se l'erano mandate a dire prima di un corner, arrivando quasi al contatto fisico.

24' Ranocchia stacca di testa sfiorando l'angolino ma lo fa dopo essersi liberato con una spinta di Stepanenko.

25' Gol annullato all'Inter per posizione di offside di Darmian, pescato al di là per pochissimi centimetri. Arriva anche il check del VAR a confermare la contingenzaepisodica.

27' Momento intenso di gara, in cui Hategan è lesto a restare aggrappato alle azioni nonostante i ritmi si alzino progressivamente, come quando in copertura palla ci va Lautaro, ed è nettissimo lo sgambetto di Marlon, meritevole d'una sanzione disciplinare che non arriva.

37' Contatto d'entità leggerissima tra Stepanenko e Lautaro: non c'è assolutamente calcio di rigore, pertanto è giusto lasciar proseguire. Nell'occasione vanno ad un passo dall'ammonizione Lautaro e Marlon, dopo che il difensore di De Zerbi aveva provocato l'argentino.

45' +1' Brutto fallo di Stepanenko che va coi tacchetti sul piede di Dzeko: errore d'interpretazione dell'arbitro che risparmia il capitano ucraino dal giallo.

48' Scontro durissimo tra Vitao e Dzeko con impatto testa contro testa: il difensore dello Shakhtar nega al bosniaco la corsia laterale finendo sul taccuino dei cattivi.

54' Duello in area di rigore tra Dodo e Lautaro: l'argentino cade dopo un contatto davvero lieve, pertanto non sussistono gli estremi per l'assegnazione della massima punizione.

58' Gol annullato all'Inter: Lautaro raccoglie un traversone laterale battendo a rete ma dopo essersi liberato di Matvijenko con una spinta a due mani. Segnalazione puntuale con l'ausilio del check rapido.

72' Pressione alta di Bastoni su Pedrinho: per i parametri del calcio internazionale si doveva lasciar proseguire, constatando un lieve contatto tra i piedi dei rispettivi giocatori.

85' Non fa valere la norma del vantaggio Hategan quando Marlos s'avventura nel dribbling saltando Vidal costretto ad allungare la zampata per fermarlo.

 

 

 

tutte le notizie di