l avversario

Gotti in conferenza: “Sul 2-1 può nascere un finale diverso. Noi volevamo quello”

MILAN, ITALY - OCTOBER 31: Luca Gotti, Head coach of Udinese looks on prior to the Serie A match between FC Internazionale and Udinese Calcio at Stadio Giuseppe Meazza on October 31, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Jonathan Moscrop/Getty Images)

Il tecnico dei friulani: "Secondo me nel primo tempo potevamo gestire meglio tanti palloni, anche quando la squadra aveva un baricentro basso che non poteva aiutarli"

Christian Liotta

Luca Gotti, allenatore dell'Udinese, arriva nella sala conferenze di San Siro per commentare quanto avvenuto quest'oggi contro l'Inter. FcInterNews.it, presente col proprio inviato, vi riporta le parole del tecnico bianconero:

FcIN -Rispetto alla gara contro l'Atalanta, la sua squadra ha avuto molte meno opportunità in ripartenza. Cosa è mancato secondo lei?

"Secondo me nel primo tempo potevamo gestire meglio tanti palloni, anche quando la squadra aveva un baricentro basso che non poteva aiutarli. Nel palleggio concedi rischi ma dai opportunità a quello dell'Inter".

Sembrava una partita equilibrata, poi è cambiata l'inerzia. Il gol vi ha scoraggiati?

"Dopo il gol gli spazi sono stati molto diversi e quindi l'immagine del match cambia visto il risultato che varia. C'è stata quest'azione dove Perisic fa andare Correa e noi non siamo stati bravi ad intercettarlo al limite dell'area. I giocatori dell'Inter sono bravi a capitalizzare".

Avete qualche rimpianto per il finale o era fisiologico che l'Inter concedesse campo dopo il 2-0?

"Dopo il 2-0 riesci a produrre qualcosa di pericoloso, ma al tempo stesso concedi spazi. Accetti questo rischio, ma se vai sul 2-1 puoi dare adito ad un finale diverso. Ed è quello che volevamo fare succedere".

Beto ha pagato più di altri la terza partita in sette giorni.

"Può essere, ma ha lottato e vinto diversi duelli contro giocatori particolarmente bravi nell'uno contro uno che sono stati limitati dalle capacità degli avversari".

Quanti punti mancano all'Udinese e quanto pesano mentalmente?

"Per me pesano più nella percezione dell'ambiente. Se pensiamo ai rigori con Fiorentina e Verona ci sarebbe da fare un altro tipo di analisi. Penso che avremmo meritato qualcosa in più, ma hai preso 11 punti in 11 partite presi anche giocando contro Juve, Inter, Atalanta. Non c'è nessuna partita facile, cercheremo di capitalizzare il più possibile".

(Dall'inviato a San Siro Christian Liotta)

tutte le notizie di