FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

inter femminile

Inter Women, Ilaria Mauro si ritira: “Felice e orgogliosa della mia carriera”

MILAN, ITALY - APRIL 24: Ilaria Mauro of FC Internazionale looks on during the Women Coppa Italia match between AC Milan and FC Internazionale at Centro Sportivo Peppino Vismara on April 24, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Mattia Ozbot/Inter via Getty Images)

Cambio di pagina, termina il capitolo professionale, si aprono nuove strade

Niccolò Anfosso

Un momento emotivamente ricco in cui serve aprire e sfogliare l'album dei ricordi per evidenziare quel che di bello il percorso effettuato ti ha regalato. Ilaria Mauro si ritira e l'emozione la travolge in volto: "Sto bene, volevo dirvi che appenderò gli scarpini al chiodo - dichiara ai microfoni della società nerazzurra - e che dopo tanti anni di calcio lo dovrò salutare. Non è stata una decisione facile, le emozioni sono tantissime, ripenso al primo giorno in cui ho giocato con mio fratello sin da piccola fino ad oggi. Emozione unica, c'è un po' di tristezza, però ricordando tutto il percorso sono felice e orgogliosa della mia carriera. "

Un passo indietro rimembrando gli inizi e il sentimento reciproco col pallone: "Quello col calcio è stato un amore pieno, ho fatto due anni a pallavolo, poi subito col pallone. L'esordio in Serie A a 14 anni mi ha portato tantissime soddisfazioni, non era facile giocare contro le grandi e ringrazio il Tavagnacco per avermi concesso quell'opportunità. come il resto della carriera: ringrazio tutti coloro che mi hanno supportato. Quando ho giocato all'estero l'esperienza mi ha arricchito tantissimo e ho ancora tante amicizie in giro per il mondo".

Una valutazione sugli aspetti maggiormente rilevanti che la carriera le ha regalato, non solo tecnicamente: "I tre momenti top del mio percorso professionali sono stati sicuramente l'esordio, poi il Mondiale di calcio, infine quest'anno, molto impegnativo ma proficuo e in cui ho conosciuto molte persone davvero brave".

Il movimento è in crescita e la Mauro ne è certa, sottolineandone i motivi della continua e costante progressione: "Il calcio femminile si è evoluto notevolmente, quando ho iniziato a giocare a Tavagnacco all'età di 14 anni ci si allenava alla sera facendo due-tre allenamenti, si arrivava a casa e si mangiava. Al giorno d'oggi è cambiato tutto: gli allenamenti sono 5-6 a settimana, le trasferte si fanno in più d'un giorno. Poi qui all'Inter ci sono strutture buonissime con uno staff davvero all'altezza".

Un saluto finale alle diverse componenti che l'hanno sostenuta parecchio lungo tutto il percorso: "Vorrei ringraziare la mia famiglia, tutti i miei amici che mi hanno supportato. E ovviamente l'Inter, in generale tutto lo staff, soprattutto Ilaria Pasqui che mi ha portato qua e mi ha permesso di vivere questa esperienza; poi tutti i medici dell'Humanitas che si sono presi cura di me nell'operazione che ho fatto a luglio".

tutte le notizie di