FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

in primo piano

Zanetti: “Lautaro diventato ciò che speravamo. Felice di lui e Correa all’Inter”

Zanetti: “Lautaro diventato ciò che speravamo. Felice di lui e Correa all’Inter”

Il commento del vicepresidente sui due connazionali interisti, ma non solo...

Egle Patané

Lunga chiacchierata in diretta Instagram con Gente Argentina, quella del vicepresidente dell'Inter Javier Zanetti che, tra le tante risposte date ai colleghi argentini, tra qualche aneddoto del passato e qualche auspicio futuro - sulla Seleccion in particolar modo - ha anche risposto su alcuni temi che riguardano l'attualità del club nerazzurro.

Cosa ti manca di più del tuo tempo da calciatore?

"Quello che mi manca di più sono gli allenamenti, la quotidianità, stare con i miei compagni di squadra, avere compagni prima dell'allenamento, dove chiacchieravamo e durante la settimana facevamo barbecue per tutta la squadra dopo l'allenamento".

Che tipo di giocatore eri?

"Polifunzionale, molto generoso, ho sempre dato tutto quello che avevo, che fosse per l'Inter o per la squadra argentina. La verità è che ho una grande cultura del lavoro e un grande rispetto per la mia professione, è sempre stato così".

Sei stato il capitano ad essere laterale. Non ci sono molti difensori in testa in quella posizione...

"È una posizione difficile, ma ho dato tutto per la Nazionale, non era possibile vincere ma la mia vera vittoria è stata giocare per tanto tempo con la Nazionale Argentina".

Quali funzioni comporta essere vicepresidente di un club potente come l'Inter?

"Lavoro con una visione a 360 gradi, dove il club ha bisogno di me io ci sono. Sono una risorsa in marketing, progetti sociali, ambasciatore di club quando viaggio in Giappone, negli Stati Uniti o ovunque dobbiamo andare. Conferisco continuità trasmettendo i valori dell'Inter". 

Cosa ne pensi degli argentini Lautaro Martínez e Correa, personaggi dell'Inter e parte della Nazionale argentina che ha vinto la Copa América?

"Sono felice che ci siano due argentini con noi. Abbiamo seguito molto Lautaro e volevamo ingaggiarlo, avevamo questa visione per il futuro: speravamo che potesse diventare quello che sta dimostrando ora. Lautaro è cresciuto anno dopo anno e mi rende molto felice perché quando investi su un giovane ti aspetti tutta quella crescita e oggi per noi è una grande soddisfazione. Avere l'occhio di ingaggiare il giovane più promettente del calcio argentino in quel momento è un merito. Mi piace che sia qui all'Inter e si senta in famiglia. Lauti è anche un punto di riferimento per la Nazionale argentina. Per quanto riguarda Correa sono contento perché quando giocavo ancora, è venuto a fare un provino all'Inter e abbiamo fatto una foto, era molto piccolo, molto giovane. L'ho visto crescere, poi è andato in un altro club, ma è tornato maturo, con tanta esperienza, mostrando tutta la qualità che ha e questo lo rende molto felice. Sono contento per il presente di Lautaro e Correa".

Ti piacerebbe allenare la Nazionale Argentina?

"No, non mi piace fare l'allenatore. Quando ho smesso di svolgere la mia carriera si è concentrato sulla parte di leader e dirigente, mi sono anche preparata per quello, ho iniziato a studiare all'Università Bocconi di Milano. Ho studiato Sports Manager per avere non solo una visione nella parte sportiva, ma una visione a 360 gradi in cui posso contribuire al mio club anche in altre aree. Ho studiato Marketing, Relazioni Internazionali, Management". 

Quando sei tornato a studiare?

"A 41 anni. Ho appena smesso di giocare e sono entrato al college. Perché quando mi hanno detto: 'Diventerai vicepresidente dell'Inter'. E io ho detto: 'ok, felice, è una grande notizia, ma allo stesso tempo è stata una grande responsabilità e devo essere preparato'. Non volevo che a causa di ciò che avevo fatto sul campo di gioco che che avrebbe mi permetta di avere un vantaggio la mia fase da giocatore e ho iniziato un'altra fase da zero". 

L'Argentina è candidata a vincere la Coppa del Mondo in Qatar 2022?

"La vedo protagonista, il fatto di aver vinto la Copa América è stata una grande spinta, vedo un gruppo molto impegnato e molto sicuro di sé, penso che l'Argentina farà un grande Mondiale".

 

tutte le notizie di