L'Inter festeggia la prima, fatidica vittoria in campionato del 2019 superando il Parma  Luciano Spalletti, allenatore nerazzurro, si esprime così ai microfoni di Dazn dopo il match del Tardini: 

Come è scattata la scintilla dell'Inter?
"Abbiamo delle potenzialità per sopperire alle difficoltà del momento. E' chiaro che in alcuni momenti quello che ci vogliono far credere sulla pesantezza del vincere a volte non lo sopportiamo. Dobbiamo mettere nei contenuti della partita le nostre caratteristiche, a volte sembra una cosa banale ma non si riesce a farlo. Stavolta invece sono stati bene ordinati, nel primo tempo il Parma ha provato a mordere ma non è abituato a fare partite così; quando dai loro un po' di campo provano a giocare sulle punte. Quando vieni attratto dal loro palleggio, come perdi palla e ti ritrovi coi terzini aperti loro coi centrali diventano micidiali".

Perché non si inizia mai con due punte?
"Icardi e Martinez sono due prime punte, bisogna trovare il momento in cui le due squadre vanno a schiacciarsi. In alcuni momenti non abbiamo trovato la tranquillità di fare le nostre giocate, non avevamo in mano le nostre qualità. Loro si assomigliano molto, anche se mi sembra che ultimamente li ho fatti giocare insieme. Poi occorre maggior aiuto dagli esterni; oggi Ivan Perisic ha fatto una grandissima partita, mettiamo i puntini sulle i. Poi abbiamo perso ancora alcuni palloni che in condizioni normali ci permetterebbero di fare male".

Su Nainggolan:
"Ha fatto rivedere le sue vampate nella doppia battuta play-centrale difensivo, facendo sparare al Parma le pallate che Skriniar e De Vrij hanno interpretato benissimo non facendo pulire mai questi palloni". 

Su Perisic e l'eventualità di vederlo giocare più in mezzo:
"E' una cosa su cui dibattiamo spesso, però quando ai calciatori non riescono le cose spesso si infangano in cose scontate. Ciò gli fa perdere quelle qualità che ha a livello di estro. Lui però può benissimo sviluppare queste caratteristiche, può fare gol di destro perché è nelle sue corde".

Qual è lo stato d'animo d'Icardi?
"Io non gli ho creato nessun problema... Le cose vanno chiarite, perché poi quando si lasciano le cose a metà si lasciano aperte alle interpretazioni. Qualche discorso di troppo si è fatto, ora è tempo di parlare di queste cose che ci siamo tirati indietro per mesi".

Adesso la attende un ciclo importante:
"La vita mi ha addestrato alle difficoltà"

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 9 Febbraio 2019 alle 22:44
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture