FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

in primo piano

Oriali: “Separazione? Rispetto la decisione. Inter forte, meriti a Conte”

MILAN, ITALY - MAY 23:  Antonio Conte , Gabriele Oriali and Javer Zanetti of FC Internazionale pose with the trophy for the victory of "scudetto" at the end of the last Serie A match between FC Internazionale Milano and Udinese Calcio at Stadio Giuseppe Meazza on May 23, 2021 in Milan, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors (Photo by Claudio Villa - Inter/Inter via Getty Images)

L'ex dirigente nerazzurro torna a parlare dopo la separazione decisa dal club: "Lukaku? ragazzo d'oro, gli auguro tutto il bene possibile"

Alessandro Cavasinni

Dopo la fine del suo mandato in nerazzurro, sebbene non ci sia stata risoluzione contrattuale, Lele Oriali torna a parlare e lo fa ai microfoni di Sport Mediaset.

Oriali, come ci si sente senza la divisa nerazzurra?

"Ovviamente sono dispiaciuto. Come può essere dispiaciuto chi deve continuare il suo percorso senza un'entità rimasta per tanti anni al suo fianco. Ma ciò che è accaduto mi ha fatto capire - se ancora ne avessi bisogno - che c'è tanta gente che mi ha voluto e mi vuole bene".

Ovvero?

"Lo striscione esposto sabato allo stadio e i cori a me rivolti resteranno sempre dentro di me. Perciò voglio ringraziare tutti i tifosi che in questi anni mi hanno sostenuto anche con attestati di stima che valgono più di una grande vittoria. E poi, sia chiaro per tutti: l'Inter è e sarà sempre casa mia".

Forse inattese sono state anche le parole che Javier Zanetti ha speso nei suoi confronti…

“A lui va un ringraziamento speciale per ciò che ha detto. Lui sa benissimo quanto abbiamo lavorato per il raggiungimento dello scudetto che i tifosi aspettavano da undici anni. E' stato un grandissimo successo al quale hanno contribuito in molti, a partire da Antonio Conte che ha saputo riportare l'Inter ai livelli che le competono".

A prescindere dalle illazioni di molti, secondo le quali Lei sarebbe stato troppo “legato” a Conte, quale pensa sia stato il vero motivo che ha indotto l’Inter a sollevarla dall’incarico?

“E' una domanda che non mi pongo. Mi limito a rispettare la decisione presa dalla società. Che ha tutto il diritto di scegliersi i suoi collaboratori".

Sabato ha visto la nuova Inter vittoriosa contro il Genoa: che impressione le ha fatto?

“Un'ottima impressione. Quindi la reputo una delle pretendenti per lo scudetto".

Nonostante l’addio di Lukaku?

“Come dicevo prima, rispetto le decisioni della società. A Lukaku, che è un ragazzo d'oro, mi limito ad augurare tutto il bene possibile".

Passiamo ad Inzaghi: pensa che almeno in parte stia beneficiando anche del lavoro di Conte?

“L'Inter riparte con lo scudetto sul petto e anche per questo motivo va inserita tra le favorite. E quindi a Conte deve essere riconosciuto il merito per averlo conquistato, lo scudetto, e per il lavoro fatto che ha riportato il club nel suo habitat naturale".

Chiuso il capitolo con l’Inter, a che punto è il suo rinnovo con la Nazionale?

“Nei prossimi giorni avrò un incontro in Federazione per capire quale sarà il mio futuro in ambito azzurro. E penso che ci siano tutti i presupposti per andare avanti insieme fino al Mondiale del 2022".

tutte le notizie di