FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

in primo piano

Lukaku pericolo numero uno per l’Italia, Acerbi: “Si ferma da squadra, se gli lasci mezzo spazio ti fa gol”

FLORENCE, ITALY - JUNE 23: Francesco Acerbi of Italy in action during an Italy training session at Centro Tecnico Federale di Coverciano on June 23, 2021 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Intervistato da Uefa.com, il difensore dell'Italia Francesco Acerbi ha provato a spiegare come si può fermare Romelu Lukaku.

Redazione FcInterNews

Come si ferma Romelu Lukaku? È questa la domanda che si stanno ponendo gli azzurri in queste ore. E ha risposto anche Francesco Acerbi, difensore della Lazio e dell’Italia, in un’intervista concessa ai microfoni di Uefa.com: "Lukaku si ferma di squadra, si ferma con il singolo - ha esordito Acerbi -. È’ un grandissimo attaccante, ha fatto la differenza in Serie A, sta facendo la differenza con il Belgio che ha De Bruyne, Hazard, tantissimi grandi giocatori. Lui è uno con cui devi sempre stare sul pezzo, sempre attento. Lo abbiamo già fermato, si conosce già, ma sappiamo che è un giocatore a cui se lasci mezzo spazio ti fa gol. È un giocatore di livello internazionale. Ma come lui ce ne sono molti altri. Si ferma con il gruppo, con la massima attenzione. Ma è il gruppo che alla fine sarà decisivo per vincere questa partita. C’è lui ma ce ne sono tanti altri e anche noi abbiamo tantissimi grandi giocatori. Anche per loro sarà molto difficile".

Sui confronti in campionato con l'interista: "Ha fatto doppietta quando io giocava da terzo [di difesa] perché si era fatto male Radu. Anche lì avevamo fatto bene contro di lui, aveva fatto poco. Lui è un grandissimo campione ma lo conosciamo e alla fine si vince con il gruppo, vinci perché tu e tutti gli altri avete fatto una grande partita. Lo abbiamo fatto con la Lazio, adesso cerchiamo di farlo con l’Italia. Se tutti noi diamo il massimo, tutti remiamo nella stessa direzione. Ognuno deve dare il 100%. Poi puoi sbagliare, ma se sbagli c’è un compagno, se sbaglia un compagno ci sono io. Quello è il gruppo. Fa niente se si sbaglia, perché c'è un mio compagno che mi copre le spalle… Nessuno è perfetto, nessuno vince le partite da solo. Altrimenti Messi avrebbe sempre vinto il Mondiale con l’Argentina. So che quando sbaglio, c’è Bonucci o c’è Gigi che para. Quella è la forza del gruppo. Devi sempre dare il 100% sapendo che anche il tuo compagno lo sta facendo e che se ti serve una mano te la darà lui E’ quello che ti può portare lontano".

Acerbi ha parlato anche del difficile compito di dover sostituire Giorgio Chiellini: "Io credo in me stesso. Sono un giocatore forte. Giorgio è fortissimo. Lo guardo molto, come guardo altri. Sono un grande osservatore. Cerco di guardare un po’ tutti, ma poi devo credere in me stesso. Con Giorgio ho un buon rapporto, di stima reciproca. Sappiamo cosa fare e cerchiamo di mettere in campo le nostre qualità, che sono abbastanza simili ma non uguali. E’ un grandissimo giocatore, tanto rispetto".

tutte le notizie di