Lucien Agoume si avvicina a grandi passi all'Inter (la nostra esclusiva). Ad assicurarlo è Djibril Niang, agente del centrocampista francese classe 2002, nel corso di una lunga intervista rilasciata ieri all'Est Républicain: "Il punto della situazione è molto semplice - chiarisce il procuratore -. Ora abbiamo un accordo con l'Inter; e il Sochaux ha "tra virgolette" un accordo sulle cifre per vendere Lucien. Quindi siamo vicini alla finalizzazione. L'unico piccolo dettaglio è come verranno pagati questi importi in modo che il club possa dare le migliori garanzie quando si recherà il 4 luglio al DNCG (l'organizzazione incaricata di sorvegliare i conti delle società francesi ndr)".

Affare da 4,5 milioni di euro senza contare i bonus?
"Esatto. Penso chiuderemo con l'Inter. C'erano altre due soluzioni: Manchester City e Arsenal, che sono in attesa. Ma questa non è la scelta prioritaria del giocatore. Avremmo potuto chiudere più velocemente con questi club, ma ancora una volta abbiamo lavorato sul desiderio di Lucien".  

La sua priorità è andata al club che lo ha seguito per primo?
"Lo osservano dall'anno scorso molto diligentemente. Abbiamo parlato con il club, con i dirigenti, i tecnici che vogliono davvero Lucien. In certi momenti, con così tante richieste, è sempre meglio favorire soluzioni come questa. L'Inter non ha mai smesso di parlarci".  

Quali sono state le chiavi del progetto che avete scelto?
"Abbiamo ragionato su questo e sullo sviluppo del ragazzo. Oggi Lucien ha 17 anni, dovrà imparare molte cose in Italia. È un campionato molto tattico. In termini di lavoro fisico, è noto che verrà richiesto anche molto impegno. E in più avrà Antonio Conte come allenatore. Non ha bisogno di presentazioni, basta dire che nelle ultime sei stagioni è stato campione quattro volte con la Juve e il Chelsea". 

Questo è il grande salto verso un gruppo iper-competitivo?
"Allenarsi quotidianamente con un gruppo che gioca per la Champions League, con molti giocatori internazionali, è l'assicurazione per accumulare molta esperienza. Tutte queste cose hanno pesato. Come essere in contatto quotidiano con la prima squadra. Lucien non verrà accantonato, ne sono sicuro. E il resto verrà con la sua serietà, il suo talento".

I club della Ligue 1 lo hanno cercato?
"I club erano lì, non necessariamente con il miglior progetto. E in ogni caso avrebbero offerto meno di un club straniero. Non abbiamo lavorato per il Sochaux, te lo dico adesso ma Lucien voleva aiutare il club". 

VIDEO - PASTORELLO: "LUKAKU-INTER? UN SOGNO, MA NON E' IMPOSSIBILE

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 25 Giugno 2019 alle 14:51
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print