Smaltita la delusione europea maturata dopo la trasferta di Wembley, Keita Baldé torna a commentare a mente fredda il momento dell'Inter, chiamata a dimenticare il ko con il Tottenham provando a vincere contro la Roma all'Olimpico. Ma prima un passo indietro temporale verso quel Inter-Frosinone nel quale il senegalese ha trovato una doppietta: "E' stata un'emozione forte segnare il gol davanti al pubblico di San Siro, ai nostri tifosi - dice a Sky -. Lo aspettavo da tempo, ho lavorato perché accadesse: è solo l'inizio, devo fare tanto di più. L'Inter è una grandissima società e la maglietta dell'Inter non è per tutti, ha storia e un peso importante, San Siro è uno degli stadi migliori al mondo perciò sono fiero di giocare all'Inter. È molto importante soprattutto per noi giovani che Spalletti consideri tutti titolari, dobbiamo sempre essere tutti pronti. A tutti piace giocare, ma bisogna lavorare e aspettare il proprio momento. La gente si focalizza un po' troppo sui numeri, il mio obiettivo per la stagione è dare il massimo nell'impegno e nel gioco, aiutare i compagni. I gol e gli assist poi nel caso vengono di conseguenza".

Su Roma-Inter - "Sarò strano affrontare la Roma avendolo già fatto ai tempi della Lazio: ora sicuramente vivrò il mio piccolo derby e farò di tutto per segnare". 

Su Schick, prossimo avversario domenica - "Essere giovani in una grande squadra prevede un periodo di adattamento, io sono arrivato giovanissimo alla Lazio e ci ho messo tempo a trovare i miei spazi, giocando anche con grandi campioni come Klose. A 18 anni giochi senza pensieri, poi si matura. Schick ha qualità, è un bravo giocatore e deve rimanere forte di testa".

Sulla stagione - "Siamo un gruppo forte, compatto, abbiamo chiaro quelli che sono i nostri obiettivi. Sinceramente, la gente avrebbe firmato a inizio stagione per essere dove siamo con il girone che è uscito. La sconfitta di Londra? Abbiamo fatto la partita, anche se alla fine l'abbiamo persa; ora lotteremo al massimo con il Psv, poi vedremo quello che succederà. La trasferte con Juve e Roma? Neanche loro saranno contenti di affrontarci, noi ci faremo trovare pronti: abbiamo una rosa lunga e siamo preparati per ogni battaglia".

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 30 Novembre 2018 alle 17:09 / articolo letto 7914 volte
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari