FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

in primo piano

Handa: “L’Inter può e deve vincere ancora. Conte? Grazie. Ora avanti con Inzaghi”

Handa: “L’Inter può e deve vincere ancora. Conte? Grazie. Ora avanti con Inzaghi”

Le parole del portiere e capitano nerazzurro nell'intervista a Tuttosport

Alessandro Cavasinni

"Io a volte mi sento il Bukowski dei portieri: non bevo, non fumo ma come lui sono un tipo diretto che, se deve dire una cosa a qualcuno, vado dritto". Così Samir Handanovic, intervistato oggi da Tuttosport. Ecco alcune delle dichiarazioni del capitano dell'Inter.

Samir, quel giorno a Pinzolo ci aveva detto che arrivare all’Inter per lei sarebbe stato come iniziare l’università. La laurea è arrivata con la fascia da capitano o con lo scudetto?

"Beh, la fascia di capitano e lo scudetto sono dei master, la laurea è arrivata vivendo i difficili momenti di transizione che il club ha passato in questi anni. E’ stato un percorso di crescita ed era difficile prevedere quanto sarebbe durato per trovare compimento".

Lei ha scelto l’Inter per vincere: si è dato una spiegazione sul perché ci avete messo tanto a farlo?

"Nove anni fa io e l’Inter ci siamo scelti a vicenda, ci abbiamo messo tanto perché è sport, non matematica e in questo periodo, evidentemente, c’è stato qualcuno più bravo di noi. Anche per tornare in Champions ci abbiamo messo tanto tempo nonostante per un club come l’Inter quello sarebbe stato un traguardo minimo. Per vincere però ci vogliono tante cose: le persone giuste e linee guida chiare rispettate da tutti". 

Sempre in quell’intervista, riguardo una domanda sul Milan che stava smobilitando, ha risposto che sembrava fosse accaduto pure con la sua Udinese dopo gli addii di Sanchez, Inler e Zapata e invece la squadra ha fatto meglio rispetto all’anno prima. Situazione che somiglia molto a quella dell’Inter di oggi. 

"In questi anni abbiamo costruito un certo tipo di mentalità che non può essere dimenticata solo perché due giocatori forti sono andati via. L’Inter ha vinto il Triplete dopo che è andato via Ibrahimovic mentre la Lazio, ai tempi, lo scudetto dopo l’addio di Vieri. Entrambi grandissimi campioni, d’accordo, ma questo conferma come il gruppo è quello che ti fa remare avanti e che non bisogna dipendere da uno, due giocatori".

Dopo quanto successo, avevate ancora più bisogno di risposte dal campo?

"No, perché quando mi giro nello spogliatoio vedo tanti giocatori forti e professionisti seri. Questa è una squadra che può e deve continuare a vincere. Non so se siamo più o meno forti rispetto a un anno fa, ma sicuramente siamo più completi. E abbiamo pure più esperienza".

Chiusa un’ossessione (quella di tornare a vincere), eccone un’altra: superare il turno in Champions. Le tante delusioni negli ultimi anni cosa insegnano?

"Cercheremo di dimostrarlo in campo cosa ci hanno insegnato tutte quelle delusioni, non serve dirlo a parole".

Qual è l’eredità che ha lasciato Conte?

"Noi giocatori dobbiamo soltanto ringraziarlo, anche se sono stati due anni impegnativi con lui. Quello che mi ha colpito di più è la mentalità che ha portato e su questo credo che abbiamo fatto il passo più grande. Conte è uno che si emoziona quando parla alla squadra e sa emozionare i suoi giocatori e non sbaglia mai il momento in cui dire le cose".

 

Cosa ha aggiunto Inzaghi?

"Siamo ripartiti con il 3-5-2, tante cose buone sono rimaste e lui ci ha messo le sue idee spiegandoci in cosa possiamo anche migliorare per crescere ancora".

Come vive l’errore?

"Ci vuole un po’ per metabolizzare sconfitte ed errori, ma tutto deve avvenire nella maniera giusta: se sbagli, vuol dire che sei vivo. Ormai sono grande: ho 37 anni e non mi deve spiegare più nessuno quando ho sbagliato perché so di averlo fatto. Poi, sotto la pelle, tutti abbiamo sangue, è normale. Meglio se dopo uno sbaglio vinci, a quel punto te ne freghi".

Samir, lei ha il contratto in scadenza: sentire e leggere di Onana e altri suoi possibili eredi è un fastidio, la carica oppure fa parte del gioco?

"Fa parte del gioco. Son cose che succedono dappertutto e con tutti, poi è normale: mi sento ancora bene, mi diverto, vivo per il calcio che è la mia passione. Ora penso all’oggi, poi vedremo. L’importante è che l’Inter raggiunga i suoi obiettivi".

tutte le notizie di