FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

in primo piano

Da Verona a Firenze: già troppi i casi arbitrali avversi all’Inter

Da Verona a Firenze: già troppi i casi arbitrali avversi all’Inter

Dal rigore su Lautaro al gol della Fiorentina: nerazzurri già in forte credito con le decisioni dei fischietti

Alessandro Cavasinni

Inter-Genoa rischia di restare un unicum nel campionato dell'Inter. In quella sede, al debutto in Serie A, era filato tutto liscio. Poi, da Verona a Firenze, i casi arbitrali sono tornati prepotentemente nelle cronache delle partite dei nerazzurri. Vediamo episodio per episodio quanto accaduto finora.

2^ GIORNATA - VERONA-INTER 1-3

59' - Sul parziale di 1-1, In area di rigore del Verona, Hongla entra in contatto con Lautaro e l'arbitro concede solo rimessa dal fondo. Dal replay si evidenza chiaramente una carica irregolare del centrocampista di casa che tocca in modo falloso la gamba del Toro intento a caricare il tiro in porta. Irrati al VAR, inspiegabilmente, non segnala a Manganiello che, colpevolmente, non si accorge di nulla. Decisione imperdonabile con l'ausilio delle immagini.

3^ GIORNATA - SAMPDORIA-INTER 2-2

35’ - Contropiede Inter: Dzeko anticipa Thorsby, costretto a colpirlo da dietro in scivolata. Orsato fa correre per il vantaggio e poi, correttamente, ammonisce il centrocampista norvegese una volta terminata l’azione.

59’ -  Difende il pallone con caparbietà Calhanoglu subendo la carica fallosa da dietro di Thorsby. Fallo tattico, perché i nerazzurri andavano in ripartenza pericolosa: Orsato grazia il norvegese e non estrae il secondo giallo.

GENOA, ITALY - SEPTEMBER 12:  Hakan Calhanoglu of FC Internazionale competes for the ball with Morten Thorsby of UC Sampdoria during the Serie A match between UC Sampdoria and FC Internazionale at Stadio Luigi Ferraris on September 12, 2021 in Genoa, Italy. (Photo by FC Internazionale/Inter via Getty Images )

4^ GIORNATA - INTER-BOLOGNA 6-1

90' - Lanciato a rete a tu per tu con Skorupski, Dumfries cade a terra in area di rigore dopo un intervento alla disperata di Medel: il cileno, in netto ritardo, si disinteressa del pallone a carica l'avversario con una spallata scomposta direttamente sula schiena e sgambettandolo da tergo. Ayroldi lo grazia, probabilmente per via del punteggio largo: la decisione corretta sarebbe stata la concessione del penalty e il rosso per il difensore rossoblu in quanto fallo non "onesto" in chiara occasione da rete.

MILAN, ITALY - SEPTEMBER 18:  (L-R) Denzel Dumfries of FC Internazionale competes for the ball with Gary Medel of Bologna FC during the Serie A match between FC Internazionale and Bologna FC at Stadio Giuseppe Meazza on September 18, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)

5^ GIORNATA - FIORENTINA-INTER 1-3

11' - Inter in ripartenza a campo aperto con Barella dopo un angolo dei padroni di casa. Duncan stende Barella in chiaro fallo tattico: Fabbri non ammonisce il centrocampista viola.

17' - Skriniar, in tackle scivolato, stoppa Nico Gonzalez: intervento pulito sul pallone, con la sfera che poi carambola sullo stinco dell'attaccante e termina a fondo campo. Sarebbe rimessa dal fondo per l'Inter, invece Fabbri fischia fallo dal lato corto dell'area e ammonisce lo slovacco.

23' - Viola in vantaggio con Sottil, ma l'azione è viziata da un fallo lampante di Nico Gonzalez che, in ritardo, va dritto sulla schiena di Skriniar: lo slovacco, già in volo, viene sbilanciato in modo evidente. Né Fabbri in campo né Maresca al VAR intervengono. Decisione clamorosa.

Da Verona a Firenze: già troppi i casi arbitrali avversi all’Inter

29' - Doppio fallo subito da Lautaro al limite dell'area viola. L'argentino prima viene spinto da Torreira, poi viene sgambettato da Milenkovic che non può fare altrimenti una volta vistosi saltato in dribbling. Intervento da ammonizione sia per il fallo in sé che per la posizione in campo ("azione promettente"). E invece il cartellino resta nel taschino di Fabbri.

36' - Altro abbaglio della squadra arbitrale. Lautaro salta secco Biraghi che, volontariamente, col braccio intercetta il pallone al limite dell'area. Assistente e arbitro non si avvedono di nulla, mentre il VAR non può intervenire in un secondo momento in quanto il tocco avviene fuori area. Sarebbe stata punizione pericolosa e giallo per il capitano viola.

tutte le notizie di