FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

esclusive

FcIN – Inter e Sassuolo a Pisa per Lucca. Destini incrociati con Raspadori?

FcIN – Inter e Sassuolo a Pisa per Lucca. Destini incrociati con Raspadori?

Le due società, prima di sfidarsi sul campo, sono state all'Arena Garibaldi in occasione del match contro la Reggina per osservare il giovane centravanti

Redazione FcInterNews

La sera lo scontro diretto al Mapei Stadium, qualche ora prima entrambe rappresentate all'Arena Garibaldi di Pisa dove è andata in scena la partita di Serie B tra i padroni di casa e la Reggina (2-0 il finale): Inter e Sassuolo sono state protagoniste lo scorso sabato sia in ottica mercato sia sul rettangolo di gioco. E se nel secondo caso tutto è andato in archivio con la vittoria in rimonta dei nerazzurri, nel primo è tutto aperto. Nello specifico, osservatori dei due club hanno tenuto d'occhio Lorenzo Lucca, già 6 gol in 7 partite in cadetteria e una delle chiavi del primato dei toscani in classifica.

Il giovane centravanti sta iniziando a far gola a diverse società che continuano a monitorarlo ed è il tipico profilo per il quale il Sassuolo solitamente fa un investimento, anche in ottica futura. Il ragazzo di Moncalieri è seguito anche dall'Inter, che continua a monitorarne i miglioramenti. Una situazione di mercato che potrebbe coinvolgere sia nerazzurri sia neroverdi, ma anche un altro attaccante: Giacomo Raspadori. Anche lui classe 2000, campione d'Europa con la Nazionale azzurra, sembra che il suo destino sia già scritto da tempo e lo porterà a Milano, ovviamente all'Inter. Da tempo Beppe Marotta ne parla con l'amico Giovanni Carnevali, soprattutto in vista della prossima stagione a meno che Alexis Sanchez non parta a gennaio. In estate l'Inter vuole fare un colpo in attacco e il 21enne di Bentivoglio è considerato una priorità. C'è da trovare l'intesa con il Sassuolo, ma non sarà difficile anche perché gli emiliani potrebbero puntare proprio su Lucca per sostituirlo.

Destini potenzialmente incrociati per i due classe 2000, anche se ad oggi è troppo presto per fare previsioni, per quanto Raspadori non veda l'ora di vestire i colori per cui fa il tifo da bambino. I club ne riparleranno più avanti, in questa fase della stagione è solo tempo di valutazioni e monitoraggio dei calciatori.

tutte le notizie di