FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

in primo piano

Fabbian: “Mi piace Barella, cerco di imparare da lui e dalle sue giocate”

SESTO SAN GIOVANNI, ITALY - NOVEMBER 24: Giovanni Fabbian of FC Internazionale in action during the UEFA Youth League match between FC Internazionale and Shakhtar Donetsk at Stadio Breda on November 24, 2021 in Sesto San Giovanni, Italy. (Photo by Mattia Pistoia - Inter/Inter via Getty Images)

Il commento del centrocampista nerazzurro dopo il 2-0 contro il Pescara

Egle Patané

Dopo la bella vittoria in Youth League, l'Inter Primavera di Cristian Chivu torna al successo anche in campionato, imponendosi per 2-0 contro il Pescara. A presentarsi ai microfoni dei giornalisti presenti dopo l'incontro è Giovanni Fabbian, autore del gol che ha sbloccato il match.

Il tuo ingresso ha cambiato la partita: quanto era importante ritrovare la vittoria in campionato?

"Sì, sicuramente ho contribuito alla vittoria della squadra e sono felice perché c'era bisogno di un successo in campionato dopo alcuni risultati non positivi. Dobbiamo continuare su questa squadra tutti assieme".

FcIN - Quinto gol stagionale, tutti decisivi, sei il capocannoniere dell’Inter insieme a Casadei e Abiuso. Ti aspettavi una partenza così? Hai un centrocampista al quale ti ispiri per caratteristiche?

"Sono molto contento di riuscire a contribuire al bene di questa squadra con il gol però l'importante è sempre la vittoria del gruppo, poi se arriva il gol singolo è un piacere in più. Come centrocampista mi piace il modo di giocare di Barella. Cerco sempre di trarre e imparare qualcosa dalle sue giocate e guardo sempre le partite per ispirarmi a lui".

Oggi un altro gol, tra l'altro decisivo per i tre punti. Ti aspettavi subito questa crescita e continuità sotto porta in questa categoria? E se sì, cosa sta cambiando nel tuo modo di approcciare al ruolo rispetto al passato?

"Io cerco sempre di fare ciò che mi chiedono il mister e lo staff e mi adeguo a ciò che mi viene detto. Poi se arrivano i gol è solo un motivo in più di orgoglio".

 

(Mattia Zangari)

tutte le notizie di