Nella conferenza stampa post-partita di Juventus-Manchester United, José Mourinho viene nuovamente chiamato a rispondere del gesto rivolto ai tifosi juventini dopo il triplice fischio, quando si è portato la mano all'orecchio per sentire il silenzio dello Stadium dopo la rimonta messa a segno dai Red Devils negli ultimi due minuti di gara: "Sono stati i tifosi ad offendermi, non io. A freddo, non lo avrei rifatto. Quando lavoro per una società, come stasera per il Manchester United, io dimentico il passato, non sto pensando al mio passato da allenatore dell'Inter, del Real Madrid o del Chelsea. No, nei 90 minuti sono solo del Manchester United. Sono loro che non hanno dimenticato quello ho fatto, non io. Io faccio il mio lavoro, per me vincere contro la Juve è una gioia perché abbiamo vinto contro una grande squadra, non perché la Juventus è nemica della mia Inter. No, io sono un professionista, sono venuto qui come professionista, con profondo rispetto per una squadra fantastica"

VIDEO - ICARDI ACCIUFFA IL BARCELLONA, TRAMONTANA SI SCATENA

Sezione: Focus / Data: Gio 8 Novembre 2018 alle 00:01 / articolo letto 26546 volte
Autore: Federico Rana / Twitter: @FedericoRana1