FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

focus

Hall of Fame Inter, da Bordon a Pagliuca e Sarti: i 10 portieri candidati

Hall of Fame Inter, da Bordon a Pagliuca e Sarti: i 10 portieri candidati

Chi si unirà a Zenga, Toldo e Julio Cesar?

Mattia Zangari

Si sono aperte ufficialmente mercoledì scorso le votazioni per eleggere le quattro leggende (una per ruolo) della storia dell'Inter da introdurre nella Hall of Fame nerazzurra. Ecco i dieci portieri candidati che potranno seguire le orme di Zenga, Toldo e Julio Cesar, votati come migliori nelle tre precedenti edizioni secondo questi criteri: aver collezionato almeno 60 presenze in gare ufficiali con l'Inter; aver vinto almeno un titolo con l'Inter; aver terminato l'attività agonistica da almeno 3 anni o aver terminato l'attività agonistica e conquistato il Triplete 2010.

IVANO BORDON (13 APRILE 1951)

Ha difeso la porta nerazzurra dal 1970 al 1983 collezionando 382 presenze e il record di imbattibilità nerazzurro (686 minuti tra la quarta e l'11esima giornata della stagione '79/'80). Il suo legame con l’Inter è iniziato nelle giovanili e il passaggio in Prima Squadra è passato da un doppio esordio: nel derby con il Milan e nella ripresa della famigerata "partita della lattina" a Mönchengladbach. Con l’Inter ha vinto due scudetti ('71 e '80) e due Coppe Italia ('78 e '82).

LORENZO BUFFON (19 DICEMBRE 1929)

Con la maglia nerazzurra ha giocato 89 partite vincendo lo scudetto '62-'63. Stile inconfondibile: da rivale storico, vincitore di quattro campionati con il Milan, ha difeso la porta nerazzurra a inizio anni Sessanta.

ANGELO CAIMO (14 LUGLIO 1914-10 MAGGIO 1998)

Ha collezionato 63 presenze vincendo lo Scudetto 1940, vestendo la maglia dell’Inter dalla stagione '39/'40 alla '42/'43.

PIERO CAMPELLI (20 DICEMBRE 1893–20 OTTOBRE 1946)

Il portiere del primo Scudetto della storia dell'Inter: ha giocato in nerazzurro dal 1909 al 1925, collezionando 179 presenze conquistando il primo Tricolore e quello del 1920.

VALENTINO DEGANI (14 FEBBRAIO 1905-8 NOVEMBRE 1974)

176 presenze dal 1924 al 1938 con l'Ambrosiana Inter. Esaltante tra i pali, vinse lo Scudetto 1929-1930.

GIORGIO GHEZZI (10 LUGLIO 1930-12 DICEMBRE 1990)

Il "kamikaze" nerazzurro: spericolato e coraggioso nelle uscite e dalla personalità importante. All'Inter dal '51 al '58, nel suo palmares ci sono gli scudetti 1953 e 1954. Icona della formazione nerazzurra, rese famosa Cesenatico inventandosi una carriera post-calcio da grande imprenditore.

GIANLUCA PAGLIUCA (18 DICEMBRE 1966)

Arrivato all'Inter nell'estate del 1994, è riuscito nella doppia impresa di proseguire la straordinaria tradizione dei numeri 1 interisti e di entrare nel cuore dei tifosi con parate memorabili, sicurezza tra i pali e personalità. Cinque le stagioni in nerazzurro da assoluto protagonista, 234 presenze e il trionfo in Coppa Uefa nel 1998.

GIUSEPPE PERUCHETTI (30 OTTOBRE 1907- 21 MAGGIO 1995)

Riflessi, coraggio e un pizzico di follia. Tra il 1936 e il 1940, ha collezionato 115 presenze con la maglia nerazzurra e vinto da protagonista due scudetti e una Coppa Italia, sedendosi poi per una stagione sulla panchina nerazzurra. Le sue parate acrobatiche gli valsero il soprannome di “Pantera Nera”.

GIULIANO SARTI (2 OTTOBRE 1933-5 GIUGNO 2017)

Pochi fronzoli e tanta sostanza. Sarti è stato un innovatore: 198 presenze e i trionfi della Grande Inter, era lui a dare il via alla famosa filastrocca che ripercorreva tutti i protagonisti: due Scudetti (1965 e 1966), due Coppe dei Campioni (1964 e 1965), due Coppe Intercontinentali.

LIDO VIERI (16 LUGLIO 1939)

199 presenze, dal '69 al '76. Vince lo Scudetto 1970/1971, stabilisce il record di imbattibilità (685 minuti) poi superato da Bordon.

tutte le notizie di