Ivan Perisic, con ogni probabilità, oggi giocherà titolare contro il Bologna. E l'anticipazione avuta in Inter-Lazio al momento del riscaldamento e in quello della lettura delle formazioni non lascia spazio a dubbi: saranno fischi per il croato. "Il rapporto è tutto da ricostruire, dopo il tentato strappo (il secondo dopo quello dell’estate 2017) con destinazione Arsenal - puntualizza la Gazzetta dello Sport -. Spalletti ha iniziato a ricucire da qualche giorno e lo ha fatto ancora nella conferenza stampa pre-partita, invocando proprio la magnanimità del pubblico. Il tecnico ovviamente lo vede come una risorsa da recuperare. La considerazione che ne ha è sempre stata alta e la voglia è quello di «rilucidarlo» e renderlo nuovamente un fattore positivo. Un po’ perché oggettivamente il settore avanzato ne ha bisogno, un po’ perché vincere queste sfide, queste battaglie anche psicologiche, gli piace in modo particolare".

E qui giunge un paragone recente, ossia quello con la riabilitazione di Joao Mario. "Il portoghese non voleva tornare all’Inter, il club lo avrebbe piazzato volentieri altrove, il pubblico lo fischiava anche nelle amichevoli (pure a Lecce). Dopo due mesi a 0 minuti, il rilancio a sorpresa con la Lazio a fine ottobre, 11 presenze in A, applausi anche dal «loggione» - sottolinea la rosea -. Per Ivan i tempi devono essere più stretti, ma anche lo status del giocatore è diverso. La qualità del croato non è mai stata messa in discussione, ma servirà anche la voglia di svoltare".

Sezione: Focus / Data: Dom 3 Febbraio 2019 alle 08:35 / articolo letto 4580 volte / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni