Beppe Marotta vuole capire se Wanda bluffa oppure no sul rinnovo di Mauro Icardi. Lo scrive oggi la Gazzetta dello Sport, che riferisce di un appuntamento programmato per l'inizio della prossima settimana, con tanti milioni a ballare sul tavolo della trattativa. 

L'Inter intende chiudere il discorso, limando le distanze esistenti. Ma dopo le uscite pubbliche di Wanda il finale diventa un rebus. "Nei mesi scorsi, comunque, l’Inter ha presentato al giocatore un’offerta da 6 milioni di euro bonus inclusi che Icardi non ha mai accettato, come confermato qualche settimana fa dal d.s. Piero Ausilio - si legge -. Anche perché dall’altra parte Wanda non ha mai voluto ragionare sotto la soglia degli 8 milioni netti. La regina delle wags vuole monetizzare le stagioni al top del marito e pensa a un ingaggio ad altezza Higuain. Un nome non casuale, visto che la stessa Wanda ha reclamato in televisione per Mauro un trattamento economico pari al Pipita. La volontà di chiudere l’accordo ha comunque spinto l’Inter ad alzare ulteriormente l’asticella: la società è pronta ad offrire all’attaccante argentino 7 milioni all’anno bonus compresi, togliendo però la clausola rescissoria da 110 milioni di euro per i club esteri. Wanda potrà essere interessata a questa offerta? Prima di Natale ha detto «il rinnovo è la priorità ma non siamo vicini come si dice». Ieri le sue parole sul tema non hanno solo confermato lo stallo della situazione ma hanno addirittura portato a una frenata sul buon esito della trattativa. Da un lato sembra che il discorso clausola non sia più così importante sulla sponda Icardi (e quindi potrebbe non esserci una monetizzazione da parte di Mauro), ma dall’altra c’è Wanda che sedendosi al tavolo con Marotta potrebbe chiedere ancora di più rispetto ai mesi scorsi. Arrivando a 9 milioni di stipendio a stagione. Una cifra molto alta, che difficilmente avrebbe il sì dell’Inter".

Sezione: Focus / Data: Gio 10 Gennaio 2019 alle 08:24 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print