I ricordi di Youri Djorkaeff. Intervistato da Dazn, l'ex stella francese dell'Inter rivive con la memoria un gesto che lo ha consegnato agli annali del calcio: la rovesciata con la quale segnò un gol alla Roma, che divenne anche l'emblema della campagna abbonamenti dell'anno successivo, il primo di Ronaldo. Djorkaeff spiega: "Era il momento giusto, dove sai esattamente dove sei in campo e nella tua vita. Questo è un gesto che devi fare quando sei al massimo delle tue capacità. La rovesciata è quello che rappresenta l'Inter. Non è un semplice gol di Djorkaeff con l'Inter, ma un gol degli interisti. Io di gol ne ho segnati con il Psg, il Monaco, con la Nazionale francese. Ma questo rimane nella storia perché è un gesto che rappresenta l'Inter forte, con istinto e coraggio perché son dovuto andare in alto due metri per fare quella rovesciata".

Se quello alla Roma è "il gol più bello", Dj sceglie un altro gol tra quelli segnati in Italia come il più importante: "Quello segnato contro la Juventus nel gennaio '98, quando abbiamo vinto 1-0. Passaggio di Ronaldo e gol mio: erano tanti anni che non vincevamo con la Juve a San Siro, fare gol alla Juve è sempre qualcosa di importante". 

Sezione: Focus / Data: Ven 30 Novembre 2018 alle 19:44 / articolo letto 2090 volte
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A