Le tecniche di persuasione utilizzate con i giocatori della Juve nel suo primo anno di mandato in bianconero non è detto che funzionino per forza in un ambiente diverso come quello dell'Inter. A spiegarlo è Antonio Conte, al quale in conferenza stampa è stato chiesto se avrebbe replicato il discorso motivazionale fatto a suo tempo di fronte a Buffon e compagni, poi scudettati a fine stagione: "Non mi piace fare paragoni con quanto successo prima - ha detto il tecnico leccese rispondendo al collega -. Ogni situazione va affrontata nella giusta maniera e non puoi avere un cliché sempre uguale. E' inevitabile che la crescita passa anche da una convinzione, dal fatto di riuscire a convincere i calciatori. C'è solo un modo per farlo: con il lavoro, che deve portare poi dei risultati, perché poi quando non arrivano viene messo in discussione. Sicuramente però c'è tutto nel lavoro di un tecnico, anche a livello di testa, ma i giocatori sanno benissimo che a loro non mentirò mai e a loro parlo col cuore in mano. Non vendo fumo, sanno cosa penso realmente. Questo per me è più importante di cosa può esserci all'esterno".

VIDEO - MAICON TORNA AD ALLENARSI IN ITALIA: IL BRASILIANO AL LAVORO CON IL SONA

Sezione: Focus / Data: Ven 22 gennaio 2021 alle 15:23
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print