Tanti problemi di formazione per Spalletti, che dovrà inventarsi qualcosa soprattutto contro l'Eintracht: tra infortuni, assenze forzate e squalifiche, il tecnico nerazzurro potrebbe ritrovarsi con appena undici giocatori di movimento a disposizione. Il Corriere dello Sport inizia il bollettino parlando di Brozovic: "Il croato, uscito contro i ferraresi sul finire del primo tempo per un risentimento ai flessori della coscia, rischia seriamente di saltare anche il derby di domenica. Quindi l'Inter è alquanto decimata, soprattutto in mezzo al campo - si legge -. Visto che l'Europa League le toglie pure Joao Mario e Gagliardini, utilizzabili solo in campionato. In tutto questo, Borja Valero – di anni 34 – sarà lì a tirare la carretta per due partite in tre giorni, in entrambi i casi al fianco di Vecino. Mentre Ivan Perisic, in panchina con la Spal, sarà titolare sia giovedì che domenica dopo essersi fatto male a Francoforte".

E allora ecco le prime opzioni di formazione. "Ranocchia, entrato al posto di Miranda (che, in caso di recupero, utilizzerà una mascherina protettiva) due giorni fa – perché Skriniar era diffidato, con il derby all'orizzonte – può partire titolare giovedì: in Inter-Eintracht Francoforte come era stato contro il Rapid Vienna, con tanto di gol del difensore - immagina il Corsport -. Il cambio di modulo è una delle possibilità concrete, a cascata. Visto che la catena di sinistra non avrà Asamoah e Dalbert, davanti ai tedeschi. Difesa a tre – stessa proposta tattica del secondo tempo contro la Spal – con Ranocchia, De Vrij e Skriniar: Spalletti ci pensa, al netto del forfait di Miranda mentre pure davanti che dovrà inventarsi qualcosa. Politano unica punta, perché il ritorno di Keita a pieno regime è più ipotizzabile per il derby, sembra l'unica soluzione".  

VIDEO - TRAMONTANA DALLA FURIA ALLA GIOIA: "CHIAMA" IL CAMBIO PER GAGLIARDINI, MA AL 2-0...

Sezione: Focus / Data: Mar 12 Marzo 2019 alle 08:30 / articolo letto 21848 volte / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni