Malcom-Inter. In Italia filtra un cauto ottimismo. In Francia si sottolinea come il Bordeaux non abbia motivo di vendere a prezzo di saldo il suo gioiellino. In Brasile, terra natia del giocatore e dei suoi rappresentanti, arrivano notizie discordanti, una via di mezzo insomma tra quanto trapela nel Bel Paese e dai colleghi transalpini. Per cercare di approfondire la questione e chiarire tutti gli aspetti della vicenda, FcInterNews.it ha intervistato Fernando Garcia, l’agente della forte ala d’attacco. “Non c’è l’accodo con nessun club. Stiamo parlando di un professionista. L’Inter è un grande club – sottolinea il procuratore -. Ma non potrà arrivare in nerazzurro in prestito con diritto di riscatto. Senza l’obbligo, il Bordeaux non accetta”.

Proprio questo punto sembra essere quello focale di tutta la trattativa. Quello che filtrava in Italia era un Bordeaux molto più morbido. Secondo le notizie di questi giorni, infatti, l’Inter avrebbe provato a fare di tutto per velocizzare la negoziazione, tentando di far arrivare Malcom a Milano già prima di venerdì, giorno in cui dovrà presentarsi in ritiro con la sua attuale squadra. “E’ difficile rispondere a questa considerazione - la risposta di Garcia -. Non saprei dare le percentuali sul futuro del mio assistito”. Probabilmente proprio perché o l’Inter tramuta l’offerta in obbligo di riscatto o il Bordeaux apre al prestito (ma molto più oneroso di quanto si pensasse) con diritto per la buona riuscita di tutto l’affare.

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - MALCOM, UNA FRECCIA BRASILIANA A BORDEAUX

Sezione: Esclusive / Data: Mar 26 Giugno 2018 alle 10:40
Autore: Simone Togna / Twitter: @SimoneTogna
Vedi letture
Print