editoriale

Sogno o Real?

MILAN, ITALY - NOVEMBER 25:  A general view before the UEFA Champions League Group B stage match between FC Internazionale and Real Madrid at Stadio Giuseppe Meazza on November 25, 2020 in Milan, Italy.  (Photo by Claudio Villa - Inter/Inter via Getty Images)

Dopo il pareggio in casa Samp, il debutto in Champions League contro i Galacticos è l'esame, tutto da vivere, dell'Inter di Inzaghi

Daniele Alfieri

La sfida contro il Real sarà un match tutto da vivere. Lo ripete come un mantra dalla conferenza stampa pre-Samp di sabato - domanda del giornalista numero 3, ore 14:12 - Simone il Monaco: se altri lo hanno ribattezzato Simone il Bello, noi preferiamo rimarcarne la sobrietà e la calma. Qualità che comunque non lo rendono impeccabile, come dimostrato ieri dall'eccesso di fiducia (o mancanza di lucidità?) nella ripresa del match di Marassi – cambi numeri 4 e 5, ore 13:56 -. Mandando in campo Sensi e Dumfries al minuto 68° l'Inter si era già giocata le cinque carte delle cinque sostituzioni, distribuite come sempre equamente nei tre slot, quando le fatiche degli impegni con le nazionali, la nuova ennesima ondata di caldo, possibili o eventuali fermi di giocatori che avrebbero violato le norme anti-Covid e la minaccia di attacchi terroristici del regime dei neo-talebani avrebbero necessitato una prudenza maggiore.

L'Inter è rimasta in dieci l'ultima parte di gara, vissuta con l'incubo di poterla addirittura perdere. C'è voluta l'intercessione di San D'Ambrosio per stoppare sulla linea il gol praticamente già fatto di Damsgaard, mentre il presidente Ferrero racconta di aver visto anche due angeli scendere in campo dalle tribune e librarsi in volo dal cerchio di centrocampo. Come sottolineato da Simone il Monaco, resta il rammarico per essere passati due volte in vantaggio e aver sprecato delle occasioni ghiottissime, tre per la precisione, con Perisic, Lautaro e Calhanoglu che avevano adocchiato Correa pronto a subentrare e quindi sono andati al tiro poco convinti e certi che il Tucu in ogni caso avrebbe fatto il suo come a Verona. Vede il bicchiere mezzo pieno Vidal, che sui social esclama: "+1 (più un punto). Non ci fermiamo, rimaniamo determinati e iniziamo una grande settimana, squadra!". Come sempre il cileno sa qual è il giusto spirit.

Le motivazioni (e i miracoli di D'Ambrosio) potrebbero non bastare con il Madrid, che ieri sera nel primo tempo della partita giocata in casa contro il Celta Vigo ha preservato le energie anche sperando di illudere la squadra di Inzaghi e fare bottino sicuro a San Siro. Sotto per 1-2 all'intervallo, i Galacticos sono rientrati in campo e in dieci minuti hanno pensato di ribaltare la gara e finirla 5-2. Sappiamo bene però che anche con con dieci punti conquistati in quattro giornate di Liga il tecnico Ancelotti è uno che quasi mai ha la pancia piena, specie quando va a servirsi al ristorante da 100 euro, reso famoso dal collega Conte. Per mercoledì sera Sensi, che due anni fa veniva dal Sassuolo, ha già dato forfait, dovrebbe invece farcela Barella, che due anni fa veniva dal Cagliari, in forte dubbio Bastoni, che viene dall'infortunio rimediato in azzurro a seguito di alcuni scatti nella metà campo avversaria per vedere da vicino gli attaccanti della Lituania.

Un match tutto da vivere che ci fornirà indicazioni più concrete sulle aspirazioni dell'Inter di Inzaghi. Il tecnico, i nuovi acquisti come Dzeko e Calhanoglu, i tifosi che torneranno a cantare la 'musichetta' della Champions (Champions League, Tony Britten, 1992, basato sull'inno di incoronazione Zadok the Priest di George Friedrich Handel) seduti sui sedili numerati del Meazza ci diranno se i segnali e le premesse positive delle prime due vittorie in campionato potranno dar seguito al sogno di inseguire nuovi successi già nella stagione attuale, anche senza Conte, Lukaku, Hakimi, né le strisce nere sulle prime maglie, quindi se il pareggio in casa della Samp andrà catalogato alla voce 'imprevisti' nel percorso di crescita, che passa necessariamente dall'esame, tutto da vivere, con il Real.

tutte le notizie di