editoriale

L’innocenza del software e il caos del calendario

COMO, ITALY - OCTOBER 18: : Head Coach Simone Inzaghi of FC Internazionale during the FC Internazionale training session before the UEFA Champions League group D match between FC Internazionale Milano v Fotbal Club Sheriff Tiraspol at the club's training ground Suning Training Center at Appiano Gentile on October 18, 2021 in Como, Italy. (Photo by Mattia Ozbot - Inter/Inter via Getty Images)

Dopo il gran pasticciaccio di Nyon, per l'Inter 40 giorni di fuoco con la sfida a quattro big prima del confronto con il Liverpool

Daniele Alfieri

"Questa è venuta male e la rifacciamo, cerca di sorridere di più". Il vicesegretario della UEFA Giorgio Marchetti aveva spiegato così ad Andrej Arshavin la ripetizione del sorteggio a causa di quello che passerà alla storia come il gran pasticciaccio di Nyon, mentre il software che aveva formulato erroneamente i possibili accoppiamenti fra le palline, venendo scansionato dai tecnici di Ceferin alla ricerca di indizi di hackeraggio o di virus informatici, provava a scagionarsi in qualche modo: "Avete visto giocare il Manchester United di Rangnick? È un'altra squadra rispetto a quella di Solskjaer. Quindi sfiderà il Villarreal per la prima volta". Gli inglesi erano però già stati avversari degli spagnoli nel gruppo F, da ciò il ricorso dei dirigenti dell'Atletico Madrid che avrebbero voluto vedersela con i Red Devils anziché con il Bayern, quindi la ripetizione del sorteggio ordinata da Ceferin, ben disposto ad accogliere la richiesta proveniente dai cugini del Real, e la sostituzione del software con un nuovo programma matematico che avrebbe trovato il modo di rendere tutte le contendenti più felici tranne una sola squadra, la cui avversaria sarebbe estratta a sorte dal sempre più sorridente Arshavin.

Alla fine l'Atletico ha soffiato lo United al Villarreal, pescato dalla Juve in sostituzione dello Sporting (l'impressione è che un terzo sorteggio i bianconeri sarebbero finiti contro il Santa Clara), il Bayern ha rimediato il Salisburgo, mentre l'Ajax, che avrebbe dovuto sfidare l'Inter, volerà in Portogallo per affrontare il Benfica. I nerazzurri sono passati dall’abbordabile duello contro i Lancieri di Ten Hag alla sfida ad armi impari contro il Liverpool di Klopp, tecnico da sette stagioni dei Reds con cui ha già vinto tutto ma eccitato come un bambino all'idea di tornare a San Siro, dopo averlo visitato per la prima volta in 54 anni solo lo scorso 7 dicembre contro il Milan. L'obiettivo sarà rientrare in UK anche stavolta con una vittoria, per poi godersi i festeggiamenti dopo il ritorno dell'8 marzo ad Anfield. Un'ipotesi possibile se non probabile, ma attenzione alle sorprese, la Champions League di quest'anno, che tra una novità e l'altra ha abolito sommessamente la regola dei gol in trasferta, pare si diverta a ribaltare ogni scenario anche tramite eventi imponderabili.

Da qui al 16 febbraio ci sarà però tanto, anzi troppo campionato. I nerazzurri affronteranno in 40 giorni quattro delle altre sei big di Serie A: Lazio e Atalanta a gennaio (nel mezzo la Supercoppa contro la Juve vincitrice in carica), Milan e Napoli a febbraio. Un calendario 'di fuoco' stabilito dal software (senza palline) della Lega, impostato per la prima volta da questa stagione con la nuova formula che impone girone d'andata e girone di ritorno asimmetrici, sul modello della Premier League ma con una variabile di maggiore caos. E come dice Inzaghi, "solo all’Inter è venuto con tanti scontri diretti", frase lontana dal cercare alibi ma pura e inconfutabile constatazione oggettiva. Il tecnico e la sua squadra sono pronti a difendere il primato con le stesse armi tecnico-tattiche sfoderate ogni domenica in campo, accompagnate da un turnover scientifico che darà ancora più spazio alle seconde linee, e con la consapevolezza di essere un'Inter più bella, più matura e più forte di quella dello scorso anno, non ce ne voglia il progetto non in linea di Conte. L'annata dei 103 gol record (finora) si chiude dopodomani sera contro il Torino di Juric, un avversario ostico e da non sottovalutare per provare a mettere il settimo sigillo sulla striscia di sei vittorie.

tutte le notizie di